Ma se domani... > Libri > Recensioni > Recensione Icaro di Francesco Guccini

Recensione Icaro di Francesco Guccini

Immagine di Icaro

Come ho scritto più volte su questo sito, sono cresciuto a pane e Guccini.

 

E del Guccio, ho sempre adorato in particolare le canzoni che guardavano di più al passato, al ricordo, a volte intrise di malinconia, spesso alla comprensione e all’indulgenza degli anni giovanili. “Van Loon”, “Incontro”, “Farewell”, “Ti ricordi quei giorni”, “Eskimo”, e via ascoltando…

In questi sette piccole meraviglie, Guccini si volge spesso al passato, al racconto di ragazzi partigiani, di una Emilia dell’immediato dopoguerra, condendo il tutto con quel sapore di poesia che da sempre scorre nelle sue vene.

Sono di parte, lo so, ma a me è piaciuto immensamente cullarmi con lui in queste pagine.

 

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi