Save the planet

By |2011-05-01T12:25:06+00:00giugno 12, 2008|101 Cose da fare a Milano, Tempo Libero|

Stavo completando la seconda missione delle “101 things to do before you’re old and boring”, concentrandomi sui temi del riciclaggio e dell’attenzione ambientale che compongono la numero 26.

Mi sono fatto un giretto sul web, partendo dalle statistiche locali (a Milano si riciclano 44 kg di carta pro capite all’anno, risultato migliorabile), per arrivare ai blog in cui si sommano consigli e piccoli trucchetti per impattare di meno e risparmiare di più (ricordi la pubblicità sul consumo di energia con gli applausi che partono?)

E’ stato un giro sicuramente istruttivo, con punte di tristezza (si mormora di 99 squali su cento scomparsi nel Mediterraneo) e buone notizie ammantate persino di romanticismo. In che senso? Eccoci qui.

Gli esperti concordavano: la tartaruga dello Yangtze era destinata ad estinguersi. E non si trattava di facile allarmismo, ma di drammatica realtà: di questo animale (francamente bruttino, eh, ma cosa vuol dire?) si conoscevano soltanto due esemplari, entrambi di sesso maschile. Difficile pensare ad una prosecuzione della specie, si trattava solo di attendere la loro morte naturale (110/120 anni) per decretarne la definitiva dissolvenza.

Ed ecco che, sopresa!, arriva la notizia tanto attesa: in uno zoo cinese è stato identificato uno splendido esemplare femminile, appena acquisito da un circo (!)

La storia d’amore si compone di:
– lui, 102 anni, dei quali almeno 82 passati senza aver mai potuto annusare un pariruolo femminile
– lei, 82 anni, vergine

Come poteva finire?

“i due si scambiano gentili colpetti, si seguono reciprocamente. Sono i preliminari dell’accoppiamento, dicono gli esperti, e nel giro di qualche settimana la femmina dovrebbe deporre le uova.”

Sono un inguaribile romantico, ma un po’ mi si è accapponata la pelle.

Dici Alfonso e pensi alla sua amata Triestina, alla sua biblioteca (rigorosamente ordinata per case editrici) che cresce a vista d’occhio, alla Moleskine rossa sempre in mano e alla adorata Nikon con la quale cattura scorci di quotidianità, possibilmente tenendo il corpo macchina in bizzarre posizioni, che vengono premiati ma non pensiate di venirlo a sapere. Se non vi risponde al telefono probabilmente ha avuto uno dei tanti imprevisti che riuscirà a tramutare in un esilarante racconto di “Viva la sfiga!”. Perché lui ha ironia da vendere ed un vocabolario che va controcorrente in questo mondo dominato dagli sms e dagli acronimi indecifrabili. Decisamente il più polivalente di tutti noi dato che è… il nostro (e non solo) Blogger senior che con il suo alfonso76.com ha fatto entrare la blog-o-sfera nella nostra quotidianità.

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi