Ma se domani... > Libri > Recensioni > Recensione romanzo La Ragazza Di Vajont, di Tullio Avoledo

Recensione romanzo La Ragazza Di Vajont, di Tullio Avoledo

Copertina la ragazza di vajont tullio avoledo 

“La ragazza di Vajont” e’ un libro di amore e di orrore.

La storia di uno scrittore, uno storico dell’Olocausto, che vede tramutarsi i suoi libri – memento storici di cosa fosse successo, ineccepibilmente tecnici nella loro metodologia – in manuali per farlo accadadere ancora, per dare nuovamente modo al Male di aggregarsi al terrificante sfacelo dell’umanita’.

E’ la storia della sua prigione, e della terribile realá’ di essere rimasto vivo, consegnato a giorni di rimorso senza fine, curato (curato?) da equipe di psichiatri desiderosi di cancellare ricordi e luce, ed ammantare di scuro il presente.

L’amore e’ per una ragazza, conosciuta per caso, amata poco a poco, di un amore impossibile per chi si sente (e’?) responsabile dello sfacelo che li circonda. Pagine di respiro purissimo che interrompono e completano l’oscuro dedalo dei racconti di pulizia etnica.

Un libro che schiaffeggia, spaventa da morire, disturba. Per me, che ho letto e riletto “L’elenco telefonico di Atlantide” e “Lo Stato dell’Unione”, un graditissimo ritorno dell’Avoledo piu’ coinvolgente.

Articolo

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi