/, Libri, Recensioni/Recensione romanzo Diary di Chuck Palahniuk

Recensione romanzo Diary di Chuck Palahniuk

By |2016-02-29T23:58:16+00:00febbraio 28, 2009|Lettura, Libri, Recensioni|

Copertina Diary Chuck Palahniuk

Prendi “Diary” di Chuck Palahniuk. Avvicinalo all’orecchio e scuotilo un po’, come faresti per scoprire il contenuto di un pacco regalo. Sentirai agitarsi tanti piccoli pezzettini di cartone compresso e dipinto.

Insomma, esattamente lo stesso rumore che fa una scatola di puzzle, di quelli con il cielo tutto azzurro che diventi scemo a comporre, investendo ore e giornate a cercare un improbabile accoppiamento. Che ti ruba spazio in casa, perchè non sai mai dove metterlo e hai paura che precipiti al suolo, infrangendo quel minimo di equilibrio che sei riuscito a raggiungere, e salutando (per sempre?) incastri faticosamente raggiunti.

“Diary” farà esattamente quel rumore lì. Perchè Palahniuk – senza abbandonare lo stile avvolgente e tematiche un po’ pulp e quasi al limite del grottesco – ricostruisce una vita intera in un romanzo, e lo fa regalando pezzettini di puzzle ad ogni capitolo. Che fai fatica ad incrociare, non dico di no, ma che con un po’ di sudore mentale e di lavoro cominciano a comporre una immagine coerente,  affascinante nei suoi continui flashback e nei dubbi che instillano pagina dopo pagina. Pezzi di puzzle nerissimi, altri più colorati, in un mosaico unico.

Tutto quello che facciamo è diario: le persone con cui parliamo, i gesti compiuti, quel mezzo sogno chiuso dentro una cassaforte di cui hai perso la combinazione, il ricordo del primo bacio. Diario.

Dici Alfonso e pensi alla sua amata Triestina, alla sua biblioteca (rigorosamente ordinata per case editrici) che cresce a vista d’occhio, alla Moleskine rossa sempre in mano e alla adorata Nikon con la quale cattura scorci di quotidianità, possibilmente tenendo il corpo macchina in bizzarre posizioni, che vengono premiati ma non pensiate di venirlo a sapere. Se non vi risponde al telefono probabilmente ha avuto uno dei tanti imprevisti che riuscirà a tramutare in un esilarante racconto di “Viva la sfiga!”. Perché lui ha ironia da vendere ed un vocabolario che va controcorrente in questo mondo dominato dagli sms e dagli acronimi indecifrabili. Decisamente il più polivalente di tutti noi dato che è… il nostro (e non solo) Blogger senior che con il suo alfonso76.com ha fatto entrare la blog-o-sfera nella nostra quotidianità.

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi