/, Libri, Recensioni/Recensione romanzo Devil Red di Joe R. Lansdale

Recensione romanzo Devil Red di Joe R. Lansdale

By |2016-02-29T23:57:52+00:00ottobre 9, 2010|Lettura, Libri, Recensioni|

Che Joe R. Lansdale sia un autore amato in particolar modo nel nostro paese è cosa nota: lo conferma l’uscita in anteprima mondiale di “Devil Red”, ultima – ma solo in ordine di tempo – avventura di Hap e Leonard, la coppia di detective più scalcinata, volgare, diretta, spassosa, filosofa e clamorosamente umana che il panorama dei gialli o dei thriller approdati in libreria possa prevedere.

E a proposito di previsioni, non so se sia per le origini texane di lansdale, o per una mia forma di meteopatia latente pronta ad esplodere ai primi freddi autunnali, ma questo romanzo – divorato in 24-ore-24 – mi ha fatto più volte pensare al tempo e alle sue variazioni.

Sì, il meteo. Perchè nelle trame di Lansdale, così magnificamente incasinate, si nascondono tutte le insidie di un sereno variabile: da una prima e immediata relazione con la temperatura, in continua transizione fra i bollenti valori delle sparatorie e gli improvvisi freddi delle riflessioni quasi esistenziali di Hap, ad una percezione di tempesta in arrivo, nuvole che si accumulano sulle teste dei protagonisti, lampi che li circondano, tuoni in rapido avvicinamento.

Con una gradevole sorpresa: “Devil Red”, oltre a regalare le sguaiate risate che costituiscono le colonne sonore delle avventure di Hap e Leonard, fa pensare. Non voglio nè posso dirmi come ed in quali particolari situazioni, perchè rovinerei almeno un paio di trovate da urlo. Ma di una cosa mi sento di essere sicuro: con la sua filosofia un po’ spicciola, da eterno indeciso fra bene e male, Hap vi farà pensare. Davvero.

Dici Alfonso e pensi alla sua amata Triestina, alla sua biblioteca (rigorosamente ordinata per case editrici) che cresce a vista d’occhio, alla Moleskine rossa sempre in mano e alla adorata Nikon con la quale cattura scorci di quotidianità, possibilmente tenendo il corpo macchina in bizzarre posizioni, che vengono premiati ma non pensiate di venirlo a sapere. Se non vi risponde al telefono probabilmente ha avuto uno dei tanti imprevisti che riuscirà a tramutare in un esilarante racconto di “Viva la sfiga!”. Perché lui ha ironia da vendere ed un vocabolario che va controcorrente in questo mondo dominato dagli sms e dagli acronimi indecifrabili. Decisamente il più polivalente di tutti noi dato che è… il nostro (e non solo) Blogger senior che con il suo alfonso76.com ha fatto entrare la blog-o-sfera nella nostra quotidianità.

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi