/, Mostre/Dal mestiere all’opera a Palm Springs 1960, Robert Doisneau in mostra allo Spazio Forma di Milano

Dal mestiere all’opera a Palm Springs 1960, Robert Doisneau in mostra allo Spazio Forma di Milano

By |2011-05-21T17:07:27+00:00novembre 7, 2010|Fotografia, Mostre|

E’ possibile amare le buone immagini, avere una passione per il reportage e la fotografia sociale, inseguire i grandi talenti della storia della fotografia su riviste, libri e siti Internet, e ciò nonostante uscire non del tutto soddisfatti da una mostra dedicata interamente a Robert Doisneau?

Si, è possibile:

“Avete in mente quei bei minestroni di una volta con tutti i pezzettoni di verdura che rimanevano sul fuoco della vostra nonna tutto il pomeriggio? Bene, ora prendete delle foto, fatele a coriandoloni e immaginate di versarle nell’ipotetico grande pentolone per fare un minestrone come da ricetta di una volta. Il mestolo ripescherà i pezzettoni-coriandoloni a caso! Senza alcun “più o meno”, ecco a voi la semplice logica con la quale sono state appese le foto di R. Doisneau allo Spazio Forma in occasione della mostra “Dal mestiere all’opera a Palm Springs 1960”.
Agghiacciante notare come non vi fosse alcun percorso in senso (anti) orario ad accompagnare l’esposizione per cerchi concentrici (!!!) offerta da una delle poche gallerie milanesi che propongano i più importanti fotografi dell’ultimo secolo. Nessuna divisione per argomento, location, epoca, o altro. Totalmente in balia di uno scomposto zig-zag nella sala senza neppure una didascalia che illumini i visitatori, i quali solo con grande sforzo riusciranno a trattenere nella memoria qualche immagine in più oltre a quelli già ben noti. Ed è un peccato posto che è stata la prima occasione di vedere in Italia i meravigliosi scatti a colori di ben 50 anni fa che paiono a tratti addirittura dei pastelli!”
V.

 

 

Fortunatamente, infatti, la testa sconsolatamente dondolante si arresta quando si accede alle due piccole sale in cui è racchiuso un reportage di Doisneau commissionato dalla rivista Fortune nel 1960, e scattato interamente a colori. Sono immagini di una potenza espressiva senza pari, meravigliosamente dominate dal blu e dall’azzurro, ed in cui il “fotografo del popolo” si confronta con una società molto differente da quella abitualmente ritratta: caffè e bar parigini sono sostituiti da campi da golf, feste impellicciate, in un racconto che è un vero tutorial di come si debba affrontare, con occhio critico e sempre assolutamente originale, la difficile arte del reportage.

Ennio Flaiano amava ricordare che “Il cinema è l’unica forma d’arte nella quale le opere si muovono e lo spettatore rimane immobile.”, ed è Vissia ad accompagnarci con passione e sensibilità nelle mille sfaccettature di un’arte in movimento. Ma non solo. Una guida tout court, competente e preparata, amante della bellezza, che scrive con il cuore e trasforma le emozioni in parole. Dal cinema alla pittura, con un occhio vigile per il teatro e la letteratura, V. ci costringe, piacevolmente, a correre per ammirare un’ottima pellicola o una mostra imperdibile, uno spettacolo brillante o un buon libro. Lasciarsi trasportare nelle sue recensioni è davvero facile, perdersi una proiezione da lei consigliata dovrebbe essere proibito dal codice penale. Se qualcuno le chiede: ma tu da che parte stai? La sua risposta è una sola: “io sto con Spok, adoro l’Enterprise e sono fan di Star Trek”

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi