Ma se domani... > Libri > Recensioni > Recensione romanzo Malastagione di Francesco Guccini e Loriano Macchiavelli

Recensione romanzo Malastagione di Francesco Guccini e Loriano Macchiavelli

Ci sono libri che hanno un profumo tutto loro.

Facilissima la connessione di un simile pensiero con la madeleine di Proust, il cui profumo – oltre a risvegliare ricordi di infanzia nell’autore – ci travolge prorompendo dalle pagine de “Alla ricerca del tempo perduto”. Ma ho in mente in questo momento anche noir dal fortissimo odore di sangue, gialli caratterizzati dall’inconfondibile olezzo della paura, romanzi erotici in cui si avvertono gli effluvii tipici di un incontro amoroso.

Bene, “Malastagione” profuma decisamente di bosco. Un profumo che è inevitabile attribuire al Guccini montanaro dell’Appennino, in cui si muove un protagonista efficace dalla personlità complessa ma molto umana: il “Poiana”, questo il soprannome affibbiato al giovane forestale dalle genti del paese, abituate a battezzare come e meglio dell’ufficio Anagrafe del comune.

(En passant, meravigliosa anche la storia del nome di un altro personaggio, Adumas, figlio di un appassionato di letteratura francese che non sapeva come interpretare il puntino sulla copertina di un romanzo di A. Dumas)

Una trama che si sviluppa fra monti e case che hanno visto tempi migliori, in una indagine abbandonata da chi ne sarebbe titolare ed affidata all’iniziativa privata di chi ha davvero a cuore il territorio e le sorti dei suoi abitanti. Nessun colpo di scena, nessun indugio su particolari raccapriccianti, ma tanta, tantissima umanità e una serena attenzione all’Uomo, ai suoi dubbi e ai suoi desideri, alla sua semplicità fatta anche di cibi buoni e di grappe fatte in casa.

Ben strutturato – la mano del gran giallista Macchiavelli non delude mai – e accompagnato da qualche regionalismo che affascina, non fa rimpiangere nè Santovito, protagonista di una serie di gialli dei nostri, nè l’ambientazione di piena Resistenza che contraddistingue le loro pagine migliori.

Nota di merito finale all’immagine di copertina: dopo una serie di scelte che mi hanno lasciato un po’ perplesso, mi tocca promuovere gli editor Mondadori. La trovo bellissima e molto adatta.

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi