Ma se domani... > Arte > Michelangelo architetto al Castello Sforzesco di Milano

Michelangelo architetto al Castello Sforzesco di Milano

 

Il Castello Sforzesco di Milano sta dedicando ben due esposizioni in contemporanea a Michelangelo Buonarroti. Quanti di noi hanno preso in considerazione la notizia? Soprattutto avete tutti messo in agenda la mostra di “Michelangelo Architetto” dedicata ai disegni eseguiti nella seconda metà della sua vita, molti riguardanti opere mai realizzate? L’avete fatto in pochi vero? Pensare che i giornali già da un po’ pontificano in proposito… saranno gli articoli ben poco accattivanti e che fanno spesso leva sulla Pietà Rondanini?

Se poi facciamo mente locale, qualcosa stona: egli non era architetto, per sua stessa ammissione! Lui si sentiva scultore e fino alla fine volle rimanere tale, nonostante un Giudizio Universale che farebbe venire la sindrome di Stendhal ad un insensibile polimorfo e una Cupola di San Pietro che con i suoi 163 metri ci fa sentire tutti piccoli piccoli rispetto all’Onnipotente.

Michelangelo amava fare schizzi in matita rossa su taccuini dalle dimensioni ridotte quanto quelle delle moderne Moleskine, fare modelli dei dettagli che poi ritagliava e dava agli scalpellini, modanare anche il legno dei progenitori dei plastici, inventare nuove forme di finestre (le finestre “inginocchiate” sono opera sua) e trascorrere anche due mesi nelle cave per scegliere i marmi più consoni all’opera che doveva realizzare, cosa piuttosto ovvia considerando la sua passione per modanature, riccioli e finestre.

Lodiamo noi tutti l’Altissimo di averlo lasciato esprimere il proprio estro creativo per ben 89 anni (che nel 1500 non era una età facilmente raggiungibile) e ringraziamo Casa Buonarroti che è riuscita a preservare sino ai giorni nostri un gran quantitativo di disegni e bozzetti.

Non sono diversa dall’utente medio, quindi non crediate che ciò fosse nei miei programmi, probabilmente ci sarei potuta inciampare una domenica pomeriggio qualora, essendo nei paraggi, la frescura delle sale del Castello mi avesse presa per la gola (tentazione dalla quale mi lascio sedurre proprio per le frequenti bizzarre mostre temporanee). Fatto sta che sono però per natura curiosa e “tengo” un padre architetto, il che equivale ad avere un cicerone di tutta eccezione, e da ultimo ammetto che l’arte antica mi intrighi.
Ecco così spiegata la mia visita imprevista : - )

Un elogio lo meritano, oltre a Casa Buonarroti, anche gli ideatori, chi ha pensato il percorso (chiaro e non abbastanza lungo da diventare noioso), chi ha realizzato i pregevoli filmati che partendo dai disegni ricreano forme, volumi ed ambienti anche quando inesistenti; bacchettate a volontà invece sulle dita di chi non ha pensato ad una audioguida, seppur basica, o ad una brochure di presentazione.
Fortunatamente vedere la “libreria secreta” con la sua forma triangolare riprodotta in 3D, godere del bozzetto dei banchi della sala di lettura con il retro che fa da poggiaschiena e ammirare l’immagine fotografica dei meravigliosi gradini che portano alla Biblioteca Laurenziana, ripagano ampiamente del prezzo del biglietto!

Esposizione adatta a tutti: fotografie, modellini, filmati e pannelli la rendono accessibile anche a chi è digiuno dell’argomento, ma è mediamente curioso. Osservare con attenzione i fogli da disegno vi regalerà sorprese: direi che non abbiamo inventato noi il riciclaggio 😉

Michelangelo Architetto nei disegni della Casa Buonarroti
Apertura al pubblico: 11 febbraio – 8 maggio 2011
Orari
Da lunedì a domenica, 9.00 – 17.30 (ultimo ingresso ore 17.00)
Ingresso
€ 6,00 intero;
€ 3,00 ridotto (studenti, over 65 e convenzioni)

L’Ultimo Michelangelo
 disegni e rime attorno alla Pietà Rondanini
Apertura al pubblico: 24 marzo – 19 giugno 2011
orari: da martedì a domenica, 09.00 – 17.30
Ingresso: € 6,00 intero
€ 3,00 ridotto, studenti, over 65 e convenzioni

www.milanocastello.it
www.mostramichelangelo.com

Related posts

Comment(2)

  • Di Anonimo H
    04/01/2011 at 00:36

    Una piacevole sorpresa l’articolo di V. Che l’arte antica l’intrighi é evidente ma qualcosa scorre nelle vene…Speriamo sia il primo di una serie specifica!

  • matteo
    05/06/2011 at 00:59

    Consiglio vivamente di andare a vedere questa mostra, mancano poche ore alla chiusura! Un plauso per averla recensita.

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi