Ma se domani... > Teatro > A teatro: Cuori Infranti e Ossa Spezzate

A teatro: Cuori Infranti e Ossa Spezzate

Conosciute ed apprezzate una domenica mattina per caso al Teatro Carcano, quando ancora la città di Milano organizzava la Festa del Teatro, lo Spazio Tertulliano per soli pochi giorni (7-10 aprile 2011) ospiterà il nuovo spettacolo dal titolo “Cuori infranti e ossa spezzate” diretto ed interpretato da Giovanna Rossi e Gianna Coletti.

Comprato il biglietto sull’onda dell’entusiasmo per aver ritrovato il brillante duo, le poche informazioni in rete recitavano più o meno tutte così: “Un percorso, a tratti ironico, nell’animo femminile martoriato attraverso testimonianze, racconti e canzoni, da Gino Negri a Shakespeare passando per la cronaca di tutti i giorni.” (cf.r. corriere.it )

Se solitamente basta molto meno per provocarmi un attacco di orticaria (è fatto noto che sia allergica alla sperimentazione teatrale ed alle sufragette, immaginate al combo dei due elementi!), questa volta ero serena, sapevo che le ragazze non mi avrebbero delusa, quindi ho comprato a scatola chiusa e son semplicemente andata a godermi lo spettacolo e… nonostante fosse la serata di apertura e l’audience fosse ben diverso dagli aficionado della prosa classica a me tanto cara, ho trascorso una delle prime serate estive della stagione in un afoso simil hangar ridendo dei fatti di cronaca che hanno popolato in passato e oggi toppo spesso si guadagnano la prima pagina dei nostri quotidiani.

Un’ora in compagnia di un intelligente ed efficace viaggio, a tratti sotto forma di monologhi e talvolta in musica, che ben delinea la situazione delle quasi sette milioni di donne che ogni anno in Italia (si proprio a casa nostra!) subiscono violenza. Si spazia da una scanzonata “Via Broletto” di Sergio Endrigo, passando per la gelosia accecante di Otello, per arrivare alla rèunion tutta speciale delle vittime di un muliericida piuttosto recidivo, per ricordare a tutti noi quanto feroce possa essere la violenza fisica e quanto facilmente il plagio possa portare a gesti estremi. La psiche infatti se da un lato ci protegge facendoci razionalizzare anche i gesti più folli, dall’altro ci può portare all’autodistruzione. Ma non crediate che tutto ciò venga esplicitato con “polpettoni” moralistici, al contrario! Assistiamo infatti ad una interpretazione esemplare, caratterizzata dalla solita mimica che contraddistingue le due interpreti, che ci fa ridere ma mai sguaiatamente; che ironizza ma senza scivolare nel becero; che porta a riflettere senza essere platealmente strappalacrime; dalla durata calibrata per non stancare, non essere ripetitiva, non annoiare e soprattutto per evitare di irritare. Ma più di tutto ci lascia la libertà di goderci il momento o di pensare, ed eventualmente aprire un dibattito durante la cena che seguirà.

Pièce leggera e adatta ad ogni pubblico, toccante ma non travolgente e dato l’argomento ciò è un plus. Il mio suggerimento è di farci un pensiero (magari sfruttando la attuale accattivante promo del 2×1) e poi, perché no, passare di qui a dire la vostra : - )

[five-star-rating]

Related posts

Comment(2)

  • Dicevano di noi...
    04/09/2011 at 01:28

    # 1
    Pochi quattro giorni per uno spettacolo intelligente e piacevole!La recensione di V. calza a pennello!
    Di Anonimo (inviato il 09/04/2011 @ 01:28:50)

    # 2
    Bello,bello, bello spettacolo! :)…anche la recensione!
    Di silvia (inviato il 09/04/2011 @ 19:38:43)

    # 3
    Trascinato a malincuore da un’amica mi son ricreduto e alla fine dello spettacolo l’ho pure ringraziata (da non credere)Leggero pur nella sua drammaticità.
    Di Gigi (inviato il 09/04/2011 @ 21:37:12)

    # 4
    Grazie della recensione e dei bei commenti!! Giovanna
    Di Anonimo (inviato il 14/04/2011 @ 15:47:16)

    # 5
    Grazie a te per il passaggio e per il commento, ci hai reso felici!
    Di V. (inviato il 15/04/2011 @ 09:11:10)

    # 6
    siamo contente per tutte le cose belle che ci avete detto e scritto. Ci crediamo molto in questo spettacolo che ci siamo autoprodotte e perciò un grazie di cuore a tutti. Gianna Coletti
    Di Gianna (inviato il 15/04/2011 @ 14:33:58)

    # 7
    Gianna, grazie per il passaggio e per la bella serata che ci avete regalato. Per accrescere ulteriormente la diffusione dello spettacolo, pensavamo di dedicarvi uno spazio e magari una intervista in un nuovo sito dedicato all’arte e alla cultura che stiamo costruendo…Che ne dite?
    Di V. (inviato il 16/04/2011 @ 12:50:25)

  • Martina
    05/06/2011 at 19:46

    Sapete dirmi per cortesia dove attualmente viene rappresentato lo spettacolo?
    Purtroppo me lo sono perso tra il 7e il 10 Aprile!
    Leggendo la recensione (ottima!) ho l’impressione d’aver perso qualcosa di bello. Grazie.

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi