//Recensione mostra “Intersections”, Spazio Oberdan, Milano

Recensione mostra “Intersections”, Spazio Oberdan, Milano

By |2011-04-18T00:36:59+00:00aprile 16, 2011|Mostre|

Lo Spazio Oberdan di Milano ospita fino al prossimo 1° maggio “Intersections”, una mostra allestita in collaborazione con il ministero greco di cultura e turismo e che si inserisce nell’ambito di una collaborazione più estesa con le istituzioni elleniche originalmente intitolata “Milano incontra la Grecia”.

La mostra, ad ingresso libero, suddivide orizzontalmente in due gli spazi espositivi dell’Oberdan: nella parte destra, sono ospitate le fotografie in grande formato di Lizzie Calligas, artista ateniese che nel 2007 ebbe la possibilità di ritrarre le korai del museo dell’Acropoli imballate prima del trasferimento in un nuova sede. Sono immagini estranianti, fortemente malinconiche, francamente poco originali ma impossibili da non associare a corpi reali rinchiusi in sacchi mortuari o incappucciati per orribili rapimenti. O, e ci si avvicina pericolosamente, il pensiero corre a donne costrette a nascondere ogni centimetro della loro pelle, ed il colore degli occhi.

Quasi una korai

Sulla sinistra, è presentata l’installazione di George Hadjimichalis, artista specializzato in opera scomponibili, concepite come singole unità spesso caratterizzate da un forte accento multimediale. All’Oberdan scopriamo “Ospedale”, composto da un acrilico sulla parete principale, un filmato-slide show con toni che sfiorano tutta la gamma del grigio, ed una sorta di gigantesco diorama al centro, costruito con una serie di tubi che presentano una finestrella sui due lati. Mi rendo conto che è difficile da spiegare, ma l’effetto – nell’avvicinare la pupilla alla finestrella – è quello che visualizzate più in basso: piccole figure che popolano corridoi quasi infiniti, in un momento di ricordo di uno degi luoghi più alienanti con cui dobbiamo, giocoforza, confrontarci.

[five-star-rating]

Dici Alfonso e pensi alla sua amata Triestina, alla sua biblioteca (rigorosamente ordinata per case editrici) che cresce a vista d’occhio, alla Moleskine rossa sempre in mano e alla adorata Nikon con la quale cattura scorci di quotidianità, possibilmente tenendo il corpo macchina in bizzarre posizioni, che vengono premiati ma non pensiate di venirlo a sapere. Se non vi risponde al telefono probabilmente ha avuto uno dei tanti imprevisti che riuscirà a tramutare in un esilarante racconto di “Viva la sfiga!”. Perché lui ha ironia da vendere ed un vocabolario che va controcorrente in questo mondo dominato dagli sms e dagli acronimi indecifrabili. Decisamente il più polivalente di tutti noi dato che è… il nostro (e non solo) Blogger senior che con il suo alfonso76.com ha fatto entrare la blog-o-sfera nella nostra quotidianità.

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi