/, Libri, Recensioni/Recensione “Le mani sugli occhi” di Ugo Barbara

Recensione “Le mani sugli occhi” di Ugo Barbara

By |2016-02-29T23:56:59+00:00maggio 1, 2011|Lettura, Libri, Recensioni|

Prendete un appassionato di thriller, chiudetelo in una stanza buia con una luce forte puntata sul viso ed una scomoda seggiola di legno (non fatelo veramente, stiamo solo creando l’atmosfera) ed interrogatelo. Meglio essere in due, poliziotto buono-poliziotto cattivo.

“Sentiamo un po’, prima che il mio collega si innervosisca. Quali sarebbero secondo te i perfetti elementi distintivi di un ottimo thriller?”

“Perchè non provate a guardare su Wikipedia?”

Pugno che si abbatte sul tavolo, “Non fare lo spiritoso!”.

“Ok, ok, voi due non apprezzate il senso dell’umorismo. Vediamo… ce la possiamo cavare più rapidamente con un esempio. “Le mani sugli occhi” di Ugo Barbàra.”

“Vai avanti”

“Un buon thriller deve innanzitutto creare il giusto grado di tensione nel lettore, ed il romanzo a cui accennavo è un ottimo esempio in tal senso: trama avvincente e decisamente credibile, un pizzico di cronaca contemporanea ed il lettore si ritrova trascinato in un affare da trenta miliardi di dollari che investe governi, banche, criminalità organizzata. Ma un buon plot – anche quando è ottimamente disegnato come ne “Le mani sugli occhi” – non è sufficiente…”

“Hai intenzione di spiegarci ancora qualcosa o devo lasciarti alle cure del mio collega?”

“…stavo dicendo, un buon plot non è tutto: va accompagnato – ed in questo Barbàra dimostra il suo essere scrittore di razza – da un protagonista intrigante ed una galleria di personaggi che ti spingano a ritagliarti minuti di lettura nei posti e nelle situazioni più improbabili pur di proseguire. Ne “Le mani sugli occhi” incontriamo nuovamente Vittorio Tanlongo, già protagonista de “Il Corruttore” una figura brillante e amara nello stesso momento, un avvocato in grado di riconoscere il prezzo di un uomo (sia esso di valore economico, posizione di potere, prestigio)  e comprarlo. A onor del vero, Vittorio ha provato a cambiare vita, ma queste sue particolari abilità ne fanno il professionista ideale da assoldare: una visitina a moglie e figli saranno la giusta chiave per costringerlo a rientrare nel giro.”

“Trama, protagonista, personaggi. Sembra facile.”

“Se lo fosse, sareste anche voi scrittori di thriller e non gli interpreti macchiettistici di un interrogatorio in un post. Barbàra ti trascina a riflessioni sull’ineluttabilità del destino, regala il coinvolgimento in un rapporto ripreso dopo anni, impreziosisce il tutto con la forza immensa di una donna ed il carattere di un giovane uomo che non può proprio lasciare indifferenti. Smuove, indigna, commuove, emoziona.”

“Insomma, tu ce lo consigli”

“Di più, se mi slegate e mi date un momento per riattivare la circolazione, vi accompagno in libreria”

Due sguardi truci, poi un sorriso: “Andiamo”.

Dici Alfonso e pensi alla sua amata Triestina, alla sua biblioteca (rigorosamente ordinata per case editrici) che cresce a vista d’occhio, alla Moleskine rossa sempre in mano e alla adorata Nikon con la quale cattura scorci di quotidianità, possibilmente tenendo il corpo macchina in bizzarre posizioni, che vengono premiati ma non pensiate di venirlo a sapere. Se non vi risponde al telefono probabilmente ha avuto uno dei tanti imprevisti che riuscirà a tramutare in un esilarante racconto di “Viva la sfiga!”. Perché lui ha ironia da vendere ed un vocabolario che va controcorrente in questo mondo dominato dagli sms e dagli acronimi indecifrabili. Decisamente il più polivalente di tutti noi dato che è… il nostro (e non solo) Blogger senior che con il suo alfonso76.com ha fatto entrare la blog-o-sfera nella nostra quotidianità.

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi