Ma se domani... > Libri > Recensioni > Recensione romanzo / serie TV J.A.S.T.

Recensione romanzo / serie TV J.A.S.T.

JAST

Scrivere e’ anche un po’ parlare con se stessi.
Ecco quindi la recensione di J.A.S.T., sotto forma di domande poste a me stesso.

Ti ho visto con una pila di libri letti e da recensire, e J.A.S.T. non era fra questi. Che cosa e’ successo?
E’ successo che, per la prima volta da un po’, sono rimasto sorpreso. Ultimamente mi ero accompagnato a libri divertenti, commuoventi, noiosi, piatti, insomma tutto ma non sorprendenti. J.A.S.T. incuriosisce già in prima battuta per confezionamento e struttura: il simil-cofanetto DVD tradisce la volonta’ di dare vita ad una narrativa del tutto diversa, basata sul concetto della serie tv e della suddivisione in episodi. Le puntate stesse sono concepite per un tempo di lettura di circa 40 minuti, la durata di una puntata senza pubblicità. E il risultato e’ decisamente intrigante.

Immagino tu ti sia scaraventato sullo scaffale alla prima occhiata, allora…
No, ed e’ piuttosto strano: nel corso degli innumerevoli giri in libreria J.A.S.T. mi era sfuggito, non so se per mia miopia o se per scarsa visibilita’. In realta’ avevo appena riletto “Confine di stato” e Settanta” di Simone Sarasso e mi son fatto – come sempre quando un autore mi appassiona particolarmente – un passaggio on line con l’intenzione di recuperare qualsiasi cosa avesse scritto. Simone e’ co-autore di J.A.S.T. insieme a Lorenza Ghinelli (suo il nerissimo “Il divoratore”, di cui vi raccontero’ fra qualche settimana) e Daniele Rudoni, gia’ impegnato con lo stesso Sarasso nella graphic novel “United We Stand”.

Trama e scrittura sono allo stesso livello dell’idea creativa?
Di più’. Le vicissitudini dei protagonisti scatenano una sorta di gigantesca e pirotecnica caccia all’uomo su scala planetaria, alla scoperta di un mistero di cui non vi diro’ neppure sotto tortura. E sono gli stessi personaggi principali (fra i quali spicca Aisha, giovane guerriera afgana assoldata dalla CIA, semplicemente p e r f e t t a) a generare nel lettore una meravigliosa suspense, una ripetizione di scatti centometristici che lasciano senza fiato.

E’ una lettura che consigli, dunque?
Di consigli me ne lascero’ sfuggire addirittura due: uno ai potenziali lettori amanti del genere (compratelo!) ed uno al terzetto di autori (voglio la seconda serie! seconda serie!)

 

 

 

 

 

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi