Ma se domani... > Libri > Classifica della settimana > La classifica dei libri più venduti, giugno 2011

La classifica dei libri più venduti, giugno 2011

Ahinoi, abbiamo un nuovo capolista. E perchè mi spinga ad affermare “ahinoi” lo scoprirete scorrendo insieme a noi la classifica dei libri più venduti della settimana.

Dalla decima alla sesta posizione. La graduatoria si apre con una felicissima new entry: l’ultimo romanzo di Massimo Carlotto, “Alla fine di un giorno noioso”, che ripesca uno dei personaggi più intriganti del panorama noir, quel Giorgio Pellegrini già protagonista nel 2001 (dieci anni fa!) di “Arrivederci amore, ciao”. Carlotto è all’inseguimento di due coppie: la prima è composta dai saggi “Scuote l’anima mia Eros” di Scalfari (nono) e dall’inossidabile “Indignatevi” di Hessel, in classifica da mesi e oggi attestato all’ottavo posto. La seconda coppia, che occupa settima e sesta posizione, segna la riscossa delle letteratura italiana al femminile: Susanna Tamaro con “Per sempre” e il tanto discusso “Ave Mary. E la Chiesa inventò la donna” di Michela Murgia.

carlotto_alla_fine_di_un_giorno_noioso
Nelle due posizioni che precedono il podio troviamo Giampaolo Pansa con il suo “Carta Straccia” (un saggio provocatorio con cui, come racconta lo stesso autore, si analizza il potere dei media, ingigantito a suo parere a livelli eccessivi) e l’inarrestabile  Margaret Mazzantini, in risalita alla quarta posizione  con “Nessuno si salva da solo”, racconto di una coppia di quasi quarantenni in crisi.

mazzantini_nessuno_si_salva_da_solo
Al terzo posto la conferma di Serena Dandini e del suo “Dai diamanti non nasce niente”, sorprendente libro sui giardini e sul giardinaggio dal titolo deandreiano e bellissimo. Curioso ed intrigante anche per chi, come il sottoscritto, pianga ancora la scomparsa del suo bonsai, assassinato con una dose killer di concime ultra-intenso.

dandini_dai_diamanti_non_nasce_niente
Piazza d’onore per “Il linguaggio segreto dei fiori” di Diffenbaugh, che resiste in seconda posizione: evidentemente, di questi tempi per conquistare la vetta della classifica costituisce titolo preferenziale l’occuparsi in qualche misura di… botanica. Storia di una ragazza dall’infanzia difficile in grado di comunicare solo attraverso i fiori che cura. Come da storica imitazione di Lucarelli: “Paura, eh?”.

linguaggio_segreto_fiori
Confidavamo che non sarebbe successo, ma ahimè ci è arrivato: al primo posto abbiamo l’“ultimo” – le virgolette sono d’obbligo, trattandosi di un testo del ‘96 – romanzo di Carlos Ruiz Zafon pubblicato da Mondadori. Già scottato dal calcuttiano tomo precedente, rilancio la preghiera alle nostre case editrici: se uno azzecca un paio di libri in età matura, ri-pubblicare tutti i suoi scritti simil-giovanili non è necessariamente una idea brillante!

zafon_luci_di_settembre

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi