Ma se domani... > Cinema > Grandi Classici > Recensione film: Arsenico e Vecchi Merletti

Recensione film: Arsenico e Vecchi Merletti

“Questo è un racconto di Halloween ambientato a Brooklyn, dove qualsiasi cosa può accadere… e di solito accade.”

Straordinario. E senza esagerare! Non faccio uso di iperboli se non in casi eccezionali… e in cui non se ne può fare a meno.

Ebbene, si tratta di una commedia contraddistinta da originalità e da spunti in cui si arriva a livelli altissimi di comicità dissacrante mista a cinismo e humour nero. Il massimo della comicità lo si trova nelle espressioni buffissime che il protagonista Cary Grant ci offre mentre scopre…. vabbè, niente spoiler! E per non parlare del direttore del manicomio (“in questo momento abbiamo parecchi Teodori Roosvelt…. Farebbe confusione. Se invece lui si credesse un altro personaggio…? Siamo un po’ a corto di Napoleoni, per esempio!”). E il fratello Ted “Teddy Roosvelt”, intento a scavare il canale di Panama (“Caricaaaaaa!!”)? I dialoghi surreali, tra le zie, il fratello matto buono, il matto psicopatico, basati su doppi sensi o logiche scaturite dall’equivoco, meritano una menzione a sé.

Un film che merita davvero di essere visto, da chi ama il cinema, ma soprattutto da chi ha voglia di guardare una gradevolissima commedia, con risate e buon umore assicurate.

 

 

 

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi