Ma se domani... > Fotografia > Storia di una fotografia romantica: il bacio di Doisneau

Storia di una fotografia romantica: il bacio di Doisneau

Nella settimana caratterizzata dalla festa di San Valentino, non potevo che dedicarmi alla storia di una fotografia romanticissima.

Mi rendo conto che la citazione non è esattamente colta, ma farà piacere agli amanti della Pixar: in Ratatouille viene pronunciata la frase “Perché qui? Perché ora? Quale posto migliore di Parigi per sognare?”. Ecco, la città che fa da sfondo a questa celebre fotografia è la capitale francese, l’anno il 1950. L’Europa sta cercando faticosamente di uscire dalle miserie della seconda guerra mondiale, scoprendo nuove libertà, e la rivista Life commissiona ad una agenzia parigina un servizio fotografico proprio su questo tema. Robert Doisneau è incaricato di percorrere le vie di una città che sta scoprendo il primo benessere, ed il risultato è ottenuto. Sono certo che riconoscete in mezzo a questi provini una immagine destinata a diventare immortale.

Passione e noncuranza per la vita caotica che si sta sviluppando intorno alla coppia sarebbero già sufficienti per considerare questo scatto come assolutamente adatto al clima di questi giorni, ma una foto dalle normali vicende non sarebbe adatta a questa rubrica. Pubblicata dai committenti in quel 1950, si stenta a credere che sia rimasta a languire negli archivi del fotografo e della rivista fino al 1986, anno in cui – ceduta ad un editore dalla vista un po’ più lunga – fu pubblicata sotto forma di poster. Già, avete letto bene: 1986, meno di trenta anni fa, e dopo un oblio durato sette lustri.

Doisneau, oltre che un riconosciuto maestro, è anche particolarmente prolifico: il complesso di immagini regalate alla storia da uno dei più grandi interpreti della street photography supera quota 350.000. Paradossalmente, fu proprio questo scatto – certamente fra i suoi più riusciti – a trasformarsi in un piccolo incubo. Divenuta un successo mondiale, finì per scatenare infatti una curiosa caccia alla attribuzione: il fotografo ricevette centinaia di lettere di persone che sostenevano di essersi riconosciute in quell’inquadratura, da coppie in luna di miele nella Parigi degli anni 50 a passanti che asserivano di essere alcuni dei personaggi sullo sfondo. E se l’incontro con un avvocato di Montreal fu curioso e piacevole, lo stesso non si può dire di una coppia che, nonostante le rassicurazioni contrarie di Doisneau durante una cena, decise di intentare una causa per il riconoscimento di parte del patrimonio derivato dalle vendite della fotografia.

L'uomo con il basco, quaranta anni dopo

Durante il processo, che si tenne nel 1993, emerse così la verità: protagonisti dello scatto erano due amici del fotografo, Jacques Carteaud e Francoise Bornet, attori dilettanti alla ricerca di notorietà. E possiamo serenamente affermare che la notorietà sia in effetti arrivata, insieme a una certa agiatezza economica: per quella posa Francoise fu pagata nel 1950 con una stampa originale, che vendette all’asta 55 anni dopo per più di 150.000 euro…

Le immagini di Robert Doisneau su Amazon.it

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi