Ma se domani... > Fotografia > La linguaccia di Albert Einstein

La linguaccia di Albert Einstein

Ti hanno dedicato un asteroide, un cratere lunare, un premio importante ed un numero imprecisato di istituti tecnici e università. Hanno persino cercato di farti diventare secondo capo di stato del neonato stato di Israele, ma questo lo ricorderai bene (eri ancora in vita).

Quello che non puoi ricordare sono le infinite leggende  nate sul tuo conto: quaggiù si dice che tu abbia avuto problemi con la matematica quando eri piccino, per dirne una, mentre e’ dimostrato storicamente come fossero le materie umanistiche a regalarti qualche preoccupazione. Sai, a qualcuno quaggiù non piacerà scoprire che si tratta di diceria, ma per anni siamo stati convinti che tu avessi davvero compilato un modulo del 1940 indicando, alla voce “razza”, la parola “umana”.

Ma tutti, indistintamente, ricordiamo una tua immagine che si adatta perfettamente a quell’aura anticonformista e un po’ guastona che ti ha reso simpatico persino agli studenti. Era il 1951, stavi festeggiando il tuo compleanno all’Università di Princeton, ed all’ennesimo fotografo che ti domandava un sorriso per la stampa rispondesti in questo modo:

Arthur Sasse, l’autore di questo memorabile scatto, ti è senza dubbio debitore, ma ricorderai bene che questo istante catturato su pellicola non ti dispiacque affatto, se è vero che due anni dopo ne acquistasti nove copie da inviare agli amici e nel retro di una di queste, indirizzata a Howard K. Smith, la tua penna scrisse: “Questo gesto vi piace, perché si rivolge a tutta l’umanità. Un civile può permettersi di fare ciò che non oserebbe un diplomatico. Il vostro fedele e riconoscente ascoltatore, A. Einstein’53 ”

Ecco, tu non crederai neppure a questo, ma persino sulla tua linguaccia sono fiorite le ipotesi più fantasiose: da chi sostiene che rispondesti con quel gesto a chi ti domandava se fossi il più grande scienziato della storia per arrivare ad uno stuolo di ammiratori convinti che quella fosse una espressione tratta da una manifestazione contro le armi nucleari.

Ti ho lasciato per ultimo il migliore, solo per dimostrarti che umorismo ed ironia – da te tanto amate in vita – non sono scomparse dal nostro mondo. Su Yahoo Answers, a chi domandava dove fosse stata scattata questa fotografia un buontempone ha risposto “ad un concerto dei Kiss”, guadagnando la mia stima per il regalo di una risata notturna.

I libri di (e su) Albert Einstein su Amazon.it

Related posts

Comment(2)

  • Anonimo
    02/28/2013 at 15:33

    Stimo molto Einstein, per il fatto che esce completamente fuori dallo stereotipo dello scienziato che crediamo oggi. Molti pensano che gli scienziati siano sempre stati degli appassionati studenti durante la loro carriera scolastica, in pratica, come si dice in gergo, dei secchioni. Ma Einstein costituisce una formidabile eccezione, sia per il fatto che sia stato bocciato una volta in matematica, e sia per ció che poi é diventato: uno tra i piú grandi scienziati della storia. Io sono ancora solo all’inizio degli studi delle scienze, ma per me Einstein costituisce un modello da seguire e magari, anche raggiungere.

    • Alf76
      02/28/2013 at 23:40

      E noi di MaSeDomani te lo auguriamo!

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi