Ma se domani... > Libri > Classifica della settimana > La classifica dei libri più venduti, metà aprile 2012

La classifica dei libri più venduti, metà aprile 2012

Non si può gridare alla vera e propria rivoluzione, ma la classifica dei libri più venduti presenta comunque un certo numero di novità: contiamo infatti la bellezza di quattro new entry, alcune delle quali suscitano danze di felicità. Vediamole nel dettaglio.

La classifica si apre con “Lo scontro finale”, ultimo capitolo della saga fantasy tutta dedicata ai più piccoli che ha per protagonista Percy Jackson. Lo precede in nona posizione “Il profanatore di biblioteche proibite”, romanzo thriller in pieno stile Buticchi di Davide Mosca  che indaga alla ricerca del vero nome di Roma e del bastone sacro utilizzato da Romolo durante la sua fondazione. All’ottavo posto, in rapida discesa, la raccolta di racconti di Andrea Camilleri “La regina di Pomerania e altre storie di Vigata”, di cui abbiamo cantato qualche lode qui, preceduto da una buona notizia: entra in classifica ed al settimo posto “Se ti abbraccio non aver paura”, ultima fatica letteraria di Fulvio Ervas, autore che ho imparato ad apprezzare per i suoi gialli delicati e ambientati nel nord-est italiano. Una storia completamente diversa da quelle a cui Ervas ci ha abituato, ma che merita il successo. Chiude la cinquina di volumi compresi fra la decima e la sesta posizione l’incommentabile “Dieta Durkan illustrata”

Nella coppia ai piedi del podio troviamo, in quinta posizione, il nuovo Massimo Carlotto (“Respiro corto”) su cui scambieremo qualche chiacchiera in settimana: anticipiamo solo che, come Ervas, Carlotto è noto per le trame “venete” dell’Alligatore e – ancora come Ervas – in questo suo nuovo noir l’ambientazione è completamente differente. Al quarto posto si conferma Alessandro Baricco con il suo “Tre volte all’alba”, che giace da qualche settimana sul mio comodino superato ahilui da letture che – ad un primo colpo d’occhio – mi son sembrate più intriganti. Arrivo, arrivo…

Mantiene la sua presenza sul podio Francesco Guccini con “Dizionario delle cose perdute”, gradevole (ma io son clamorosamente di parte” racconto-raccolta di antichi episodi, oggetti perduti nel tempo, espressione di una nostalgia che non è mai malinconia per quel tocco di ironia che contraddistingue le narrazioni del mio cantautore di riferimento. E il Guccio, con ogni probabilità, non sarà del tutto dispiaciuto di essere stato superato, perché al secondo posto…

Copertina Dizionario delle cose perdute di Francesco Guccini

… si affaccia Luciano Ligabue con “Il rumore dei baci”. La collaborazione fra Guccini e Ligabue ha prodotto alcuni cammei nei film diretti dal secondo e qualche comune interpretazione musicale, e vederli appaiati in vetta alla classifica dei libri più letti mette un po’ di tenerezza negli occhi degli appassionati.

Nuovamente primo, ma con un distacco che comincia a ridursi, Massimo Gramellini con “Fai bei sogni”, per il quale citerò dalla terza di copertina: “Un libro dedicato a quelli che nella vita hanno perso qualcosa. Un amore, un lavoro, un tesoro. E rifiutandosi di accettare la realtà, finiscono per smarrire se stessi”. Continuo ad accontentarmi dei suoi “Buongiorno” sulla Stampa ogni mattina.

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi