Ma se domani... > Cinema > Anteprima > Recensione film EVA

Recensione film EVA

Un trailer accattivante, un primo attore che apprezzi  sin dal sorprendente “Goodbye Lenin” (e visto recentemente in “7 Days in Havana”), i coprotagonisti presi da Cella 211 (di nuovo la convincente Marta Etura vista poco tempo fa nel thriller “Bed Time”), il marchio di fabbrica iberico che sta per tramutarsi in garanzia di suspense e il gioco è fatto: tutti curiosi al punto da correre in sala.

Siamo sulle montagne in un futuro lontano, ma in cui la realtà appare molto simile a quella che scorgiamo fuori dalla finestra, la più grande techno-novità pare essere una quotidianità condivisa con robot factotum che ci alleggeriscono la vita. Le auto un po’ retrò, le casettine di montagna come in molti luoghi sull’arco alpino ed i maglioni in lana ornati da treccioni ingombranti ci ricordano la nostra infanzia e in pochi fotogrammi ci portano nell’innevatissima cittadina universitaria in cui sta facendo rientro Alex Garel, un uomo tanto geniale quanto scapestrato.

Ricondotto all’ovile per portare a termine un progetto abbandonato da una decade, Alex ritrova il fratello David infine appagato ingegnere, la ex (Lana) che nel mentre è divenuta parte della famiglia e, un giorno per strada, incontra Eva, una bambina vivace, sveglia ed estremamente divertente. Un modello da imitare per rendere il mondo migliore, soprattutto un esempio per i coetanei: basta bambini noiosi!

Molti i piccoli segreti, troppe le frasi rimaste in gola per non ferire nessuno, enorme il sentimento che aleggia per tutto il tempo tra i due ex-amanti. Un velo di tristezza è ovunque ed è amplificato dal clima inclemente che ci accompagnerà per tutta la durata della pellicola, mentre gli interni in legno, che ricordano il caldo focolare, determinano i momenti di conforto che diverranno sempre più rari con lo scorrere dei fotogrammi che ci conducono all’epilogo che chiuderà il cerchio.

I tre ragazzi sono menti brillanti in prestito alla scienza, dipendenti dell’università locale. Ognuno con il proprio ambito di eccellenza, tutti complementari, un tempo giovani intraprendenti e complici oggi imbarazzati adulti scesi a compromessi con sé stessi. L’equilibrio precario raggiunto si incrinerà dopo poco e il pubblico lo sa al punto da riuscire a godersi le parti condite di leggero sarcasmo. Eva conquista non solo il geniale Alex, ma pure tutta la sala, soprattutto quella parte che sta assistendo alla pellicola nella totale inconsapevolezza di cosa celi il film sullo schermo.

Il segno lasciato da “Blade Runner” è tangibile ed è plausibile vi sia un vero e proprio inchino ai padri della cinematografia di genere, gli androidi/droni di “Guerre Stellari” sono un esempio da seguire e questo film ce lo ricorda riportandoli tra noi e non manca neppure un rimando a “AI”. Thrilling ovattato, fantascienza che rimane su sentieri già battuti, storia inedita ma solo per coloro che non si siano imbattuti nel trailer o nelle clip. Primo lungometraggio di un regista promettente che è riuscito a convincere la produzione, un cast di alto livello nonché i numerosi curiosi presenti  in sala che normalmente non si nutrono di pane e sci-fi.

Opera bellina, garbata e a tratti (troppo) delicata che purtroppo sa di già visto. Sufficienza raggiunta grazie alle performance del cast ed al fatto che nessuno abbia voluto strafare. Voto: 6+

Related posts

Comment(1)

  • cristina
    01/11/2014 at 18:32

    Sono completamente d’accordo, il senso è quello della mia recensione che uscirà a giorni (ho visto il film su dvd a noleggio). Giusto, ho dato un voto leggermente più alto perchè ho trovato molto efficace e suggestiva la location. Bellissimo sito!

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi