//Bambini operai nelle fotografie di Lewis Hine

Bambini operai nelle fotografie di Lewis Hine

By | 2012-10-25T08:37:41+00:00 ottobre 25, 2012|Fotografia|

Lewis Hine è uno dei miei idoli.

Nei primi anni del Novecento, mentre la fotografia intraprendeva strade decisamente pittoriche, quasi che lenti e diaframmi dovessero imitare tele e pennelli, Hine seppe interpretare al meglio quello che gli apparve come uno straordinario mezzo documentativo, dando vita ad un genere che ancora oggi impegna migliaia di professionisti: il reportage sociale.

Concependola come strumento per la promozione di riforme sociali, Hine diede una svolta alla storia della fotografia. Entrando nelle fabbriche per ritrarre il lavoro minorile, ne tratteggiò la bruttura morale, con una buona dose di coraggio ed una altrettanto abbondante di astuzia: ai padroni degli impianti si presentava come venditore di assicurazioni, sostenendo che la presenza dei bambini nelle inquadrature fosse necessaria per dare una idea delle dimensioni dei macchinari che, privi di elementi di altezza riconoscibile, non avrebbero potuto mostrare il loro ingombro effettivo…

In realtà, Hine era al lavoro in quanto membro della National Child Labor Committee, e le immagini che scattò furono di tale impatto e di tale drammaticità da stimolare e favorire l’inizio di un processo di riforma sociale che si concluse con una normativa per l’abolizione del lavoro minorile negli Stati Uniti d’America.

La sua attività di moderno fotoreporter si spostò quindi nei cantieri di una America in forte espansione, tanto che per lunghi anni gli venne attribuita la paternità di una delle fotografie più famosa di tutti i tempi: una fila di operai seduti sopra su una trave d’acciaio sospesa sopra New York. Una immagine che conoscete tutti e che ha a sua volte una storia interessante alle spalle: la affronteremo a breve!

Ma oggi, raccontiamo di questa:

lewis hine kid

Avrete capito i motivi per la mia passione verso Hine. Ho sostenuto più volte che una fotografia debba raccontare una storia, e gli occhi di Addie Card, operaia dodicenne in una fabbrica del Vermont, raccontano di una famiglia con poche entrate, di una giovinezza rubata, di ore passate forse a immaginare di partecipare ad un enorme gioco mentre la schiena si piega e le mani si ricoprono di tagli. Abbiamo avuto tutti 12 anni, e conosciamo dodicenni, li incrociamo tutti i giorni in metrò o nelle case di amici: provare anche solo per un istante ad immaginarli in una catena di montaggio ha del grottesco e del tragico insieme, e fa commuovere.

Eppure, e quel che segue sarà sicuramente di sollievo, Addie ha avuto una vita felice. Joseph H. Manning l’ha ricostruita sul suo sito web, dopo una ricerca di familiari e discendenti, con una attenzione ed un culto della memoria che dimostra come quella immagine abbia colpito tante sensibilità.

Dopo una vita intensa e ricolma di affetto, una di quelle esistenze che dimostra come la speranza sia dietro l’angolo per tutti, nonostante una partenza difficile, Addie è scomparsa nel 1993, a 96 anni. E ci ha lasciato un’ultima immagine toccante, in un cerchio perfetto come quelli tracciati da Giotto secondo la leggenda.

Dici Alfonso e pensi alla sua amata Triestina, alla sua biblioteca (rigorosamente ordinata per case editrici) che cresce a vista d’occhio, alla Moleskine rossa sempre in mano e alla adorata Nikon con la quale cattura scorci di quotidianità, possibilmente tenendo il corpo macchina in bizzarre posizioni, che vengono premiati ma non pensiate di venirlo a sapere. Se non vi risponde al telefono probabilmente ha avuto uno dei tanti imprevisti che riuscirà a tramutare in un esilarante racconto di “Viva la sfiga!”. Perché lui ha ironia da vendere ed un vocabolario che va controcorrente in questo mondo dominato dagli sms e dagli acronimi indecifrabili. Decisamente il più polivalente di tutti noi dato che è… il nostro (e non solo) Blogger senior che con il suo alfonso76.com ha fatto entrare la blog-o-sfera nella nostra quotidianità.

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi