Ma se domani... > Libri > Recensioni > Racconti di Halloween per una notte di terrore

Racconti di Halloween per una notte di terrore

“Dolcetto o scherzetto?”

Per fare una facile rima verrebbe da rispondere “Libretto”, se non fosse che questa antologia di racconti edita da Einaudi – che giaceva da un po’ tra gli scaffali di casa – è composta da 371 ricchissime pagine, a cui mal si adatta la definizione restrittiva che consentirebbe di chiudere la strofa.

E sebbene si tratti del periodo migliore dell’anno per proporre la selezione di cui vi abbiamo mostrato copertina, mettiamo subito le manine avanti: se siete appassionati di letteratura horror avrete – con ogni probabilità – già dedicato le vostre letture ad una buona parte dei racconti presentati da una introduzione di Marcello Fois, e rischiate seriamente di portarvi a casa una serie di doppie che nemmeno ai tempi delle figurine Panini e dei gloriosi tempi del “Ce l’ho! Mi manca!”. Ma se, al contrario, siete stati recentemente affascinati dal genere e desiderate confrontarvi con una selezione di narrazioni che abbiano fatto la storia della letteratura orrorifica, beh, “Racconti di Halloween” potrebbe decisamente fare al caso vostro.

Come in ogni antologia, la vera differenza viene determinata dalla qualità degli scrittori coinvolti. E qui c’è davvero da sbizzarrirsi, tanto da far diventare complicato qualcosa di diverso da uno sterile elenco. E sarebbe un peccato, perché qui si passa agevolmente da grandi classici (cito su tutti Edgar Allan Poe con “Il crollo della casa Usher” e Lovecraft, qui omaggiato con il suo “Il colore venuto dallo spazio”) a scelte intriganti quali la rivalutazione in chiara nerissima di Buzzati (“Eppure battono alla porta”) o la riscoperta di un racconto di Benni tratto direttamente da “Il Bar sotto sotto il mare” (si tratta di “Oleron”), per arrivare a maestri più recenti del genere quale l’inarrivabile – per tensione ed ironia – Joe R. Lansdale, per il quale è riproposto “Non viene da Detroit”, originariamente inserito in “Maneggiare con cura” (titolo meraviglioso per una raccolta di racconti del texano più amato d’Italia!).

E così si finisce per ripercorrere la storia di un genere letterario attraverso le quattro sezioni in cui è suddivisa l’antologia,  perdendosi fra Conan Doyle, Ray Bradbury e persino ne “Il segnalatore” di Charles Dickens (!), una presenza forse insospettabile ma che non stona affatto in questa notte di Halloween che si sta terribilmente avvicinando!

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi