Ma se domani... > Libri > Recensioni > Recensione Kafka sulla spiaggia di Haruki Murakami

Recensione Kafka sulla spiaggia di Haruki Murakami

Nei sogni, si sa, tutto é permesso. Puoi camminare in una casa dalle porte infinite, inoltrarti in una foresta e ritrovarti, svoltato un angolo, in pieno centro cittadino. Puoi incontrare amici perduti da tempo o ritrovarti a volare sopra un fiume ghiacciato, mentre da un albero una scimmia cerca di colpiti con una fionda gigantesca e tre noci di cocco.

Ecco, immergersi nell’universo narrativo di Haruki Murakami produce lo stesso, identico effetto. I critici – quelli seri, non chi vi scrive cercando di narrare sensazioni ed emozioni – lo descrivono come “realismo magico” o “realismo fantastico”, ma il succo é questo: dalla prima riga di ogni suo romanzo, il più grande scrittore giapponese vivente ha il potere di trascinare in una storia che ha tutti i crismi del possibile e che si ammanta di magico ed onirico nel suo svolgimento, con una grazia e una poesia che conquistano.

“Kafka sulla spiaggia” é una summa perfetta della sua poetica. Nella storia di Tamura, quindicenne in fuga da suo padre e dalla sua città, ed in quella di Nakata, anziano con la semplicità – anche lessicale – di un bimbo e la capacità di parlare con i gatti in cui si esprimono attivamente i canoni della narrativa di Murakami, quella capacità sovrannaturale di trascinare in un mondo parallelo, misto di concretezza e aleatorietà, in cui nulla è come sembra e tutto può intraprendere strade imprevedibili e improbabili. Ed ė così che i percorsi di due personaggi che si sfiorano senza un vero incrocio raggiungono le sinapsi del lettore, pietre che costituiscono l’entrata di un mondo diventano comprensibili ed eventi apparentemente inspiegabili raggiungono una loro logicità. Come in un sogno, appunto, e quando chiudi il volume al termine della lettura ti son rimaste dentro immagini che faticherai a dimenticare e domande che non vuoi smettere di porti.

Se il benedetto Nobel per la Letteratura non dovesse, prima o poi, prendere la strada di casa Murakami, beh, qualcosa che non funziona c’è.

La citazione:
“Quando la tempesta sarà finita, probabilmente non saprai neanche tu come hai fatto ad attraversarla e a uscirne vivo. Anzi, non sarai neanche sicuro se sia finita per davvero. Ma su un punto non c’è dubbio. Ed è che tu, uscito da quel vento, non sarai lo stesso che vi è entrato.”

Tutti i romanzi, imperdibili, di Haruki Murakami sono su Amazon.it

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi