//Gordon Parks allo Spazio Forma di Milano

Gordon Parks allo Spazio Forma di Milano

By |2013-04-27T10:05:55+00:00aprile 27, 2013|Fotografia|

Gli amanti della fotografia hanno qualcosa da festeggiare: allo Spazio Forma per la Fotografia, la mostra “Una storia americana”, che segna l’approdo nel continente europeo di un grande maestro: Gordon Parks.

Per definirne la poetica artistica potrebbe essere sufficiente questa sua massima, che vale come monito sia per i professionisti che per i fotoamatori: “Those people who want to use a camera should have something in mind, there’s something they want to show, something they want to say”.

Parks, con la sua macchina fotografica in mano, ha sempre detto moltissimo: una narrazione a volte graffiante, in altri casi semplicemente onesta, sempre lontana però dalla pura funzione documentaristica. Lo sguardo indagatore, la capacità di tradurre in immagini le pieghe più nascoste della società, la voglia di denunciare ingiustizie e soprusi rendono infatti Gordon Parks un perfetto esponente di quella fotografia sociale che si allontana dalla rappresentazione del puro fatto di cronaca e diventa un grido, un’accusa, una testimonianza.

Parks ha raccontato al mondo l’America della segregazione, la povertà delle periferie statunitensi, la difficoltà di esser nero in un mondo di bianchi. Lo ha fatto dalle pagine di Life e con la sua vena creativa, che non si esauriva con il rullino in canna ma si estendeva a includere cinema (il primo film diretto da un afroamericano a Hollywood porta la firma della sua regia), musica, scrittura. Insomma, varcando le porte del Forma verrete immersi nella vita e nell’opera di un vero, grande narratore, una voce possente che risuonerà a lungo nella vostra memoria.

E non deve stupire che un così grande talento – oltretutto assolutamente autodidatta – abbia dedicato parte del suo racconto per immagini al ritratto: da Muhammed Alì a Malcolm X, da Martin Luther King alla bellissima Ingrid Bergman immortalata a Stromboli nel 1949, Parks riesce dove solo i grandi non hanno fallito, e cioè nel creare una storia e trasmetterà anche con la semplice inquadratura di un volto o di una figura intera.

Dici Alfonso e pensi alla sua amata Triestina, alla sua biblioteca (rigorosamente ordinata per case editrici) che cresce a vista d’occhio, alla Moleskine rossa sempre in mano e alla adorata Nikon con la quale cattura scorci di quotidianità, possibilmente tenendo il corpo macchina in bizzarre posizioni, che vengono premiati ma non pensiate di venirlo a sapere. Se non vi risponde al telefono probabilmente ha avuto uno dei tanti imprevisti che riuscirà a tramutare in un esilarante racconto di “Viva la sfiga!”. Perché lui ha ironia da vendere ed un vocabolario che va controcorrente in questo mondo dominato dagli sms e dagli acronimi indecifrabili. Decisamente il più polivalente di tutti noi dato che è… il nostro (e non solo) Blogger senior che con il suo alfonso76.com ha fatto entrare la blog-o-sfera nella nostra quotidianità.

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi