Ma se domani... > Cinema > Anteprima > 23° FCAAAL: PARFUMS D’ALGER di Rachid Benhadj – Algeria, 2012, 108′

23° FCAAAL: PARFUMS D’ALGER di Rachid Benhadj – Algeria, 2012, 108′

1998. Karima è una fotografa di origine algerina trapiantata in Francia, il suo lavoro la appassiona, le ha dato notorietà internazionale e grandi soddisfazioni. Ma c’è come un nodo in lei, che la blocca, e dalle sue opere, classicamente molto belle e insieme gelidamente idealizzate, si vede. Un giorno riceve una telefonata dalla madre: è davvero disperata per rivolgersi a lei, che non sente da oltre vent’anni. Le chiede di tornare alla casa da cui era fuggita, ha bisogno di aiuto. Fin dal colpo di stato militare del 1992 l’Algeria è sempre più devastata da stragi e attentati da parte dei fondamentalisti islamici. Appena giunta nella dimora così carica di ricordi, alcuni dolcissimi, altri atroci, Karima viene a conoscenza che il padre è in agonia e che il fratello Murad è stato arrestato con l’accusa di attività terroristiche, condannato a morte e recluso in una prigione di massima sicurezza. Inizialmente ritrosa, dovrà affrontare dure prove, interrogarsi sulla propria identità e chiudere finalmente i conti col proprio passato per affrontare davvero il futuro.

PARFUMS D’ALGER è un film non facile nel tema, ma facile da amare: è una storia molto coinvolgente con una grande protagonista. Karima è una donna sradicata, dal passato molto doloroso, che però senza piangersi addosso ha deciso di lasciare una famiglia benestante e conservatrice e di prendere il proprio destino nelle sue mani. Tornata contro voglia a quella patria di cui ignora la recente realtà, che non ha dimenticato ma che rifiuta, a partire dalla lingua (si rivolge alla madre in francese, e lei le risponde, ostinatamente, in arabo), tutto per lei cambia, la sua scala di valori ne esce mutata per sempre. Scopre attraverso la sofferenza sua e delle donne più care e più vicine a lei – la giovane cugina a cui i vicini di casa hanno sfregiato le gambe con l’acido perché portava una gonna ritenuta troppo corta, la cognata uccisa dai terroristi sotto i suoi occhi – che vale la pena di restare, e lottare, per cambiare le cose.

Il regista algerino Rachid Benhadj si è laureato a Parigi in architettura e poi all’École de Cinéma; ha diretto film e documentari per la tv algerina prima di trasferirsi a Roma una ventina d’anni fa. La sua formazione e la sua esperienza di vita sono molto visibili in questo suo sesto lungometraggio, di cui ha scritto anche la sceneggiatura: una storia solida, con personaggi ben definiti e ricchi di sfumature, immersa in recenti fatti storici avvenuti a due passi da qui di cui noi italiani colpevolmente conosciamo troppo poco, è offerta allo spettatore in modo pulito, senza manicheismi. Da ottimo pittore quale inoltre è, si è poi trovato un direttore della fotografia coi controfiocchi. In ogni inquadratura si riconosce l’occhio incantatore di Vittorio Storaro: nei momenti quasi onirici dei ricordi d’infanzia di Karima, con l’amatissimo fratellino Murad, nel magico giardino di casa; nelle luci e ombre dell’incredibile, archetipica fortezza-prigione; nel secco realismo dell’atroce scena dell’agguato terrorista.

Ulteriore bonus del film è l’intensa interpretazione di Monica Guerritore, che recita scorrevolmente in francese e in arabo e dà agli sguardi di Karima mille sfaccettature – lo stupore, la sfida, l’ira, la disperazione, l’orgoglio – in questo inno alle donne, alla loro capacità di cambiare il mondo con la dolcezza.

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi