Ma se domani... > Cinema > Anteprima > 23° FCAAAL: RUTA DE LA LUNA di Juan Sebastian Jàcome, Ecuador/Panama, 2012, 75′

23° FCAAAL: RUTA DE LA LUNA di Juan Sebastian Jàcome, Ecuador/Panama, 2012, 75′

Roberto detto Tito ha 32 anni, è divorziato ed è albino, cosa che gli dà parecchi problemi alla pelle e alla vista. Vive tutto solo a Panama, l’unica cosa che lo appassiona è il bowling. Un giorno gli telefonano: suo padre César, in Costa Rica, ha avuto in infarto. Non si vedono da anni, ma da bravo figlio prende il pullman e va a trovarlo. Il padre si riprende in fretta, e in pochi giorni viene dimesso dall’ospedale.

Nel loro rapporto riaffiorano subito tutti i problemi che li hanno divisi per anni: Tito è discreto e silenzioso, César esuberante e logorroico; uno solitario e timido, l’altro macho e sbruffone. Ma soprattutto César, ex-allenatore di pugili, fra cui un campione del mondo, disprezza profondamente il bowling e non smette di sfottere il figlio per il suo non-sport.

Quando Tito decide di tornare a casa, anche perché dopo alcuni giorni ha una finale regionale, César decide di accompagnarlo: a causa della salute malferma ha perso il suo posto di insegnante di ginnastica, gli serve un nuovo lavoro e a Panama ha degli amici che lo possono aiutare.

Yimmy David Suarez (Tito) Luis Antonio Gotti (César)

Ma è troppo banale andare in bus: César ha la sua fedele Lada azzurra, un po’ arrugginita ma ancora efficiente. E partono.

Naturalmente non tutto va liscio: César non si è ancora rimesso come vorrebbe far credere, la macchina è quella che è e nemmeno i documenti sono in ordine. E i due non resistono mezz’ora senza mettersi a litigare. Per fortuna caricano una simpatica autostoppista col suo puzzolentissimo cane, e la ragazza riesce a mediare nei continui battibecchi fra padre e figlio. Arrivano a Panama, seppure un po’ in ritardo sulla tabella di marcia, ma niente nel loro rapporto sembra essere cambiato, niente è stato chiarito; ognuno se ne va per la sua strada.

E’ una riflessione dolce-amara sulla diversità, sulla difficoltà di accettarsi e comprendersi, sullo scontro fra mentalità e generazioni. E sulla necessità  comunque di continuare a provarci, provarci sempre.

Il trentenne ecuadoriano Juan Sebastian Jacome ha studiato cinema negli Usa e ha collaborato a vari film come sceneggiatore e in diverse vesti tecniche. Per la sceneggiatura di RUTA DE LA LUNA, scritta nel 2008, ha ricevuto premi e segnalazioni, ma solo nel 2011 è riuscito a trovare i finanziamenti per girare questo suo primo lungometraggio da regista, e ne ha già un secondo in preparazione.

Ha diretto una storia semplice e lineare, con personaggi autentici e mai banali, interpretati da tre ottimi attori.

Yimmy David Suarez è un noto musicista cubano, qui al suo debutto come attore. La sua condizione di albinismo lo ha portato a condurre una ricerca sull’accesso alternativo al cinema per i non vedenti.

Luis Antonio “Lucho” Gotti ha una vasta esperienza come regista e attore di teatro panamense, e si vede dalla finezza con cui interpreta César, senza mai correre il rischio di esagerare.

La frizzante autostoppista Vicky Yadia è Victoria Greco, debuttante al cinema ma veterana dei palcoscenici di musical, in Usa e a Panama.

185 caratteri

 

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi