/, Libri, Recensioni/Recensione Cronaca di un suicidio, ultimo romanzo di Gianni Biondillo

Recensione Cronaca di un suicidio, ultimo romanzo di Gianni Biondillo

By |2016-02-29T23:50:47+00:00luglio 16, 2013|Lettura, Libri, Recensioni|

A volte vorrei iniziare e finire una recensione con una frase sola. Tipo “Il nuovo romanzo di Biondillo è bellissimo”. Poi mi rendo conto che ci si aspetta qualche parola in più, e allora piazzo le ditina sulla tastiera e continuo a scrivere.

E comunque il nuovo romanzo di Biondillo è bellissimo.

Nell’opera narrativa dell’architetto milanese l’attenzione dei critici si concentra spesso sulle caratteristiche dei suoi personaggi: la capacità di Biondillo di dare voce a uomini e donne e, soprattutto, ai loro pregi e ai loro disagi è stupefacente. L’esempio più noto é naturalmente l’ispettore Ferraro, un protagonista dai tratti umani e dalla personalità complessa ed affascinante, che è protagonista anche dell’ultimo romanzo edito da Guanda e intitolato “Cronaca di un suicidio”. E questa capacità di suscitare empatia od odio profondo verso i personaggi accompagnati nelle sue pagine é nuovamente confermata: lo sceneggiatore vessato da Equitalia ed il commercialista che ne cura gli interessi sono perfetti, disegnati con una maestria che produce una immedesimazione istantanea.

Ma in questo romanzo, a mio parere uno dei migliori della serie, Biondillo ci regala anche una trama assolutamente voltapagina, una serie di piccoli eventi che si incastrano perfettamente in una catena unica, una sospensione dalla realtà che circonda il lettore e gli fa divorare parole, frasi, pagine. Decisamente, senza alcun dubbio, nettamente uno dei migliori gialli italiani degli ultimi anni.

Adesso non me lo ricordo più: ho già scritto che il nuovo Biondillo è bellissimo, ma bellissimo proprio?


Fatti un bel regalo: acquistalo su Amazon.it

Dici Alfonso e pensi alla sua amata Triestina, alla sua biblioteca (rigorosamente ordinata per case editrici) che cresce a vista d’occhio, alla Moleskine rossa sempre in mano e alla adorata Nikon con la quale cattura scorci di quotidianità, possibilmente tenendo il corpo macchina in bizzarre posizioni, che vengono premiati ma non pensiate di venirlo a sapere. Se non vi risponde al telefono probabilmente ha avuto uno dei tanti imprevisti che riuscirà a tramutare in un esilarante racconto di “Viva la sfiga!”. Perché lui ha ironia da vendere ed un vocabolario che va controcorrente in questo mondo dominato dagli sms e dagli acronimi indecifrabili. Decisamente il più polivalente di tutti noi dato che è… il nostro (e non solo) Blogger senior che con il suo alfonso76.com ha fatto entrare la blog-o-sfera nella nostra quotidianità.

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi