/, Libri, Recensioni/Recensione Boh di Alberto Moravia

Recensione Boh di Alberto Moravia

By |2016-02-29T23:50:08+00:00settembre 3, 2013|Lettura, Libri, Recensioni|

copertina racconti Boh Alberto Moravia

Il mio primo Moravia.

(Non hai letto Gli indifferenti? No, non ho letto Gli indifferenti.)

“Boh” prende il titolo da uno dei racconti che compongono la raccolta: ne é protagonista una donna, come é naturale se si considera che sono addirittura trenta le storie che compongono l’antologia e che ognuna di esse ha come protagonista una figura femminile.

Le narrazioni sono interamente sviluppate in prima persona e questo semplice ma efficace trucco-dello-scrivere avvolge il lettore catturandolo pagina dopo pagina, vicenda dopo vicenda.

É una ragnatela da cui é impossibile uscire, intessuta su fili sottili di cinismo e intelligente curiosità. Inevitabile associare il titolo dell’antologia con la risposta che molto spesso gli uomini si danno del comportamento femminile: “boh”. Non me ne vogliano le amiche lettrici, ma a volte la tentazione di chiamare la NASA e cercare di convincerei che il vero universo da esplorare é quello femminile é davvero fortissima…

L’attenzione alle caratteristiche fisiche dei personaggi, spinta sino quasi ad una lombrosiana memoria, non annacqua minimamente la forza delle vicende narrate: il filo rosso che le collega é una visione del tutto “femminista” di un nuovo mondo che – al momento della scrittura – si stava affacciando ed affermando anche in Italia, polverizzando antiche abitudini e un radicato quadro sociale.

In questo contesto, l’abilità di Moravia di intercettare il cambiamento e descriverlo con colori vividi, persino disturbanti, è assolutamente stupefacente.

Un libro teso, un affresco privo di fronzoli e persino crudele in alcune sue esagerazioni, un ritratto eseguito da un pittore che coglie, pennellata dopo pennellata, il lento e continuo mutare delle cose: “Boh” è tutto questo, ed è una lettura che vale senza dubbio la pena intraprendere.

Dici Alfonso e pensi alla sua amata Triestina, alla sua biblioteca (rigorosamente ordinata per case editrici) che cresce a vista d’occhio, alla Moleskine rossa sempre in mano e alla adorata Nikon con la quale cattura scorci di quotidianità, possibilmente tenendo il corpo macchina in bizzarre posizioni, che vengono premiati ma non pensiate di venirlo a sapere. Se non vi risponde al telefono probabilmente ha avuto uno dei tanti imprevisti che riuscirà a tramutare in un esilarante racconto di “Viva la sfiga!”. Perché lui ha ironia da vendere ed un vocabolario che va controcorrente in questo mondo dominato dagli sms e dagli acronimi indecifrabili. Decisamente il più polivalente di tutti noi dato che è… il nostro (e non solo) Blogger senior che con il suo alfonso76.com ha fatto entrare la blog-o-sfera nella nostra quotidianità.

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi