Ma se domani... > Fun > Curiosità > Il Museo della CIA

Il Museo della CIA

Potete apprezzarne le attività o essere convinti che siano l’origine di tutti i mali del mondo, ma una cosa è certa: gli agenti segreti della CIA sono nell’immaginario collettivo di tutto il mondo, e non lasciano indifferente proprio nessuno.

Bibliografia e filmografia sono naturalmente sterminate, e sono la prova del fascino che le operazioni segrete esercitano sul pubblico. E sebbene la fantasia narrativa dei libri di Tom Clancy o di film come The Bourne Identity e I tre giorni del Condor superino probabilmente la realtà, è la stessa CIA a mettere a disposizione un viaggio all’interno della sua storia in grado di confermare quella patente di “anticipatrice tecnologica” che le viene da sempre attribuita.

Il viaggio inizia e si conclude sul sito ufficiale della Central Intelligence Agency, nel senso che gli oggetti e le memorabilia conservate sono esposte all’interno di una sala posizionata nel quartier generale del servizio segreto e dunque non accessibile ai visitatori.

Il tour è quindi un viaggio esclusivamente virtuale che si concretizza in una esposizione ricchissima in grado di proporre una manna di chicche dal valore storico insuperabile.

Lettera di Kennedy alla CIA
La lettera di JFK alla CIA

Quali siano le più interessanti? Difficile stabilirlo perché il valore dell’oggetto è com’è noto funzionale all’interesse dell’osservatore. I kennediani di ferro gongoleranno quindi di fronte alla lettera con cui JFK riconosceva il contributo essenziale dato dalla C.I.A. durante la crisi dei missili di Cuba, mentre gli appassionati di aviazione non potranno rimanere insensibile al fascino della tuta indossata dai piloti degli U2 completa di casco.

E ancora l’ultima bandiera a stelle e strisce issata sul pennone del Checkpoint Charlie a Berlino prima della caduta del Muro, un ricevitore radio occultato in una pipa, un micro-finto-insetto telecomandato, una lettera di un ufficiale americano spedita al figlio nel 1945 e vergata sulla carta da lettere del dittatore tedesco, il telegramma con cui si avvisa l’HQ della morte di Tito, una macchina fotografica concepita per essere installata su un piccione, una delle celebri decriptatrici Enigma, e così via.

Una microcamera insettoforme
Un piccione con ambizioni alla Robert Capa

Recentemente il museo ha allargato la propria collezione con due reperti decisamente significativi: un plastico che raffigura la palazzina di Abbottabad dove un commando Seal eliminò Bin Laden ed il fucile AK-47 con cui il terrorista islamico cercò di difendersi.

Andando oltre ogni convinzione politica ed ogni visione del mondo, il quartier generale di Langley profuma certamente di Storia. Ed ogni appassionato di storia contemporanea troverà nelle gallery riccamente illustrate del sito ufficiale storie, immagini ed oggetti di sicuro interesse.

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi