Ma se domani... > Libri > Recensioni > Lettera al cervello di Nick Hornby

Lettera al cervello di Nick Hornby

Tutti-mi-danno-del-bastardo-nick-hornby

Gentilissimo Cervello di Nick Hornby,

mi rendo conto di quanto possa apparire strano ricevere una lettera da un altro encefalo, ma ci tengo a presentarmi: sono la corteccia celebrale di un lettore.

La scorsa settimana ero impegnata a coordinare la camminata del mio proprietario, avendo cura di stimolarne la vivacità con le immagini che i miei migliori amichetti (gli occhi) mi passavano da elaborare. Forse perchè la giornata era stata effettivamente un po’ stancante, o più banalmente perché a volte capita di aver bisogno di riposare anche qui dentro al cranio, quasi non mi sono resa conto che stavo collaborando ad un insano proposito serale: l’ingresso in una libreria.

Forse tu non lo sai, gentile Cervello di Nick Hornby, ma ogni volta che finiamo davanti agli scaffali di una libreria il mio lavoro triplica improvvisamente, e con me quello di tutti gli altri: gli occhi (me lo hanno confessato) si devono preparare a saltellare da un titolo all’altro e dalla visione d’insieme delle pile di romanzi al particolare delle prime righe di un volume. Le mani e le braccia si seccano, perché sanno che saranno costrette a sollevare ripetutamente dei pesi o – nelle giornate più sfortunate – una cesta ricolma di libri il cui peso specifico supera quello di due casse d’acqua. Ed in questo oceano di movimenti, io sono il timoniere che cerca di evitare i marosi più preoccupanti ed il pasto agli squali, e se per caso mi spengo un istante va a finire che A. si ritrova alla cassa con un saggio sulla riproduzione dei conigli nani della Patagonia, e la colpa è sempre mia.

Ecco perché quando gli occhi mi hanno segnalato “Tutti mi danno del bastardo” ho iniziato a rilasciare endorfina a fiumi per far terminare il più velocemente possibile quella esperienza, cancellando immediatamente dalle mie sinapsi il quasi omonimo pezzo sanremese della Tatangelo.

Ecco, siccome lo abbiamo (plurale: io e gli occhi) finito proprio oggi, volevo chiederti una cortesia: puoi convincerTi a dare nuovamente alle stampe un romanzo degno di questo nome, qualcosa di 3-400 pagine con trama approfondita, personaggi meravigliosi come quelli di “Alta fedeltà” e momenti memorabili come quelli tratteggiati in “Come diventare buoni”? No, perché leggere quello che hai prodotto – con il concorso di occhi, dita e tutto il resto, lo so – è sempre un piacere, e anche queste scarse-70-pagine hanno il loro motivo di esistere. Ma è un po’ come trovarsi di fronte un piattone di melanzane alla parmigiana e poterne mangiare soltanto una cucchiaiata. Non si fa.

Ti ringrazio per quello che potrai fare,
La corteccia celebrale di A.

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi