Ma se domani... > Cinema > Anteprima > Cinema e teatro s’incontrano in occasione di The Audience

Cinema e teatro s’incontrano in occasione di The Audience

Si apre il pesante sipario e una voce molto impostata, quieta e sicura delle proprie parole, ci porta su uno del palchi più prestigiosi e ambiti del mondo: quello del Gielgud Theatre di Londra, per assistere ad uno spettacolo della nuova stagione del National Theatre. Purtroppo noi non ci troviamo nella City, al contrario, sediamo su una poltrona di un cinema sotto casa, ma stiamo comunque per goderci una pièce intensa, interpretata da una superlativa Helen Mirren, scritta dal talentuoso Peter Morgan per la regia di Stephen Daldry (Billy Elliot e Molto forte, incredibilmente vicino): stiamo per vedere “The Audience”.

L’opera ci offre l’opportunità di guardare al passato di un longevo regno sotto una luce tutta nuova: nell’intimità della residenza della Regina, oramai sul trono da sessanta lunghi anni, durante le sue udienze private con il Primo Ministro. Un rituale che si sussegue nelle decadi, ogni martedì, una vera cortesia di chi governa nei confronti della Sovrana. Rara occasione in cui le due persone possono conoscersi, confrontarsi, lasciarsi andare a piccole confidenze, lontano da occhi e orecchie indiscreti.

John Major (Paul Ritter) and Queen Elizabeth II (Helen Mirren) – Photo by Johan Persson

E mentre vediamo sfilare i Primi Ministri che si sono succeduti da Churchill ai giorni nostri, ripercorriamo un pezzo di storia del ‘900. Attraverso le ipotetiche conversazioni intercorse, spesso ricche di sobrio e misurato humour, emerge il costante contributo di Elisabetta II alla costruzione di una nazione. Una bambina come tante che a venticinque anni si è ritrovata a ricoprire una importantissima carica istituzionale e a vestire dei panni granitici, a rappresentare una potenza mondiale di fronte agli altri grandi della terra, che ha barattato il suo io, i suoi sogni, la sua spontaneità, con il bene comune.

La Regina e i suoi variopinti cappellini faranno anche sorridere, ma è una donna davvero unica: con il suo lavoro a tempo pieno carico di rinunce, nonostante non sia il capo del governo, riveste un ruolo non di poco conto. La Corona è prima di tutto un esempio, rappresenta uno Stato che ha saputo conquistare il mondo, e per i sudditi è un costante memento di chi erano, chi sono e chi saranno, di cui vanno profondamente fieri.

Margaret Thatcher (Haydn-Gwynne) and Queen Elizabeth II (Helen Mirren) – Photo by Johan Persson

A entrare nella pelle di Elisabetta II ci pensa Helen Mirren, forte delle sue precedenti interpretazioni della Regina e del suo enorme talento che le è valso un Oscar proprio per “The Queen”. L’attrice è magistrale, elegante, misurata ed è una sovrana impeccabile. Nonostante le battute, la donna e il personaggio pubblico non vengono mai ridicolizzati o in altro modo mortificati, un tale esempio di bravura da parere un colto tributo, un ringraziamento, o meglio, un omaggio ad una donna che per sei lunghe decadi è stata un modello di rettitudine, di sacrifici, un vero leader.

Una parata di stelle si sussegue sul palco, una sfilata di costumi e di acconciature strabilianti e una lunga serie di memorie ci accompagnano durante questo raffinato e accurato viaggio di quasi tre ore nella storia di un popolo, di una regina, di una donna. Una pièce da non perdere, arguta e leggera, che intrattiene e col sorriso non si dimentica di insegnare.

n.d.r. Visitando il sito ufficiale potete consultare l’elenco completo dei cinema che partecipano all’iniziativa!

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi