/, Libri, Recensioni/Sara, la Vendicatrice

Sara, la Vendicatrice

By |2016-02-29T23:49:30+00:00ottobre 29, 2013|Lettura, Libri, Recensioni|

Il giorno dell’uscita del terzo volume della saga delle Vendicatrici venivo amabilmente sfottuto su Facebook: chi mi conosce (ciao Paola! Ciao Andrea) sa che non me lo sarei perso per niente al mondo, e che avrei voluto procurarmene una copia nel più breve tempo possibile.

Detto, fatto.

Come per gli altri due libri della tetralogia già editi, anche “Sara” è il prodotto della collaborazione con Marco Videtta ed è stato pubblicato per i tipi di Einaudi Stile Libero. Il romanzo va quindi a completare la visione di una delle quattro donne protagoniste della saga: di tutte, Sara è certamente la più “concreta”, quella per cui la separazione fra il pensare alla violenza subita e l’azione è più flebile. Segnata dall’aver assistito al rapimento di suo padre quando era bambina, Sara non ha mai smesso di investigare, nonostante un rapporto complicato con la madre e una carriera ben avviata in Polizia, addirittura nei NOCS. Carriera che Sara ha abbandonato per poter portare a compimento la sua vendetta, sfruttando tecniche di combattimento e lucidità guerriera apprese durante l’addestramento nei corpi speciali della nostra PS.

Ancora una volta, Carlotto e Videtta ci guidano in un romanzo che fa emergere la crisi di valori e di ideali della nostra società: l’Italia che viene affrescata è quella del denaro-facile-a-tutti-i-costi, del perbenismo di facciata, del dolore nascosto anche agli amici più cari per non tradire le proprie fragilità.

Il ritmo, come tipico della serie, è serrato ma non forsennato, trovando un equilibrio delicato che viene comunque mantenuto fino alla fine. Ovviamente vi risparmio il colpo di scena che, piuttosto inaspettato, giunge quasi al termine del volume, e che regala a questo noir un profilo di spessore più ampio. Si fatica enormemente a metterlo giù, ed è un risultato di valore se si considera che la paura di incappare in un trascinato continuum dei capitoli precedenti era reale.

Promozione, dunque, a pieni voti. Bravi voi!


Dici Alfonso e pensi alla sua amata Triestina, alla sua biblioteca (rigorosamente ordinata per case editrici) che cresce a vista d’occhio, alla Moleskine rossa sempre in mano e alla adorata Nikon con la quale cattura scorci di quotidianità, possibilmente tenendo il corpo macchina in bizzarre posizioni, che vengono premiati ma non pensiate di venirlo a sapere. Se non vi risponde al telefono probabilmente ha avuto uno dei tanti imprevisti che riuscirà a tramutare in un esilarante racconto di “Viva la sfiga!”. Perché lui ha ironia da vendere ed un vocabolario che va controcorrente in questo mondo dominato dagli sms e dagli acronimi indecifrabili. Decisamente il più polivalente di tutti noi dato che è… il nostro (e non solo) Blogger senior che con il suo alfonso76.com ha fatto entrare la blog-o-sfera nella nostra quotidianità.

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi