Ma se domani... > Cinema > Recensioni > Anno nuovo, nuova commedia al cinema: Un Boss in Salotto

Anno nuovo, nuova commedia al cinema: Un Boss in Salotto

bossinsalotto_poster

Un boss sta per arrivare nel salotto della dolce, sorridente e organizzatissima Cristina, moglie adorante di Michele, pubblicitario in ascesa nella locale Immobiliare Manetti, e madre premurosa di Fortuna e Vittorio. Cristina vive in Trentino, in una bella casetta di legno, stile baita, fa jogging con la famiglia, è sempre presente alle recite dei figli, è positiva e di supporto a tutti, senza mai farsi assalire dall’isteria.

Questo idillio è messo a dura prova il giorno in cui Cristina viene convocata in Questura per una misteriosa richiesta. Una sorpresa è, infatti, lì ad attenderla e in un soffio porterà i timori, la vergogna e una serie interminabile d’imprevisti nella sua vita. Il fratello Ciro, sotto processo per associazione a delinquere di stampo mafioso, ha indicato, come luogo in cui trascorrere l’attesa della sentenza, la casa della sorella con cui non aveva più rapporti da 15 anni.

Rocco Papaleo e Paola Cortellesi - foto di Gianni Fiorito
Rocco Papaleo e Paola Cortellesi – foto di Gianni Fiorito

Cristina (Paola Cortellesi) dovrà spiegare al marito (Luca Argentero) e ai figli di avere un fratello ancora vivo e il motivo della sua “visita”, e farà di tutto per evitare che il resto della comunità si accorga di lui. Ciro è, infatti, la quinta essenza della rozzezza e della meridionalità stereotipata, ma ha un cuore così caldo da riuscire a rianimare quello oramai gelido della sorella. Insomma, sin dalle prime battute, tutto appare come da copione e a noi non rimane altro che sperare che il buon cast sia fonte di brio e che la sceneggiatura sia spumeggiante con  colpi/ uscite di scena a raffica. Poco dopo l’arrivo di zio Ciro (Rocco Papaleo), dobbiamo invece ricrederci.

Le gag che riescono a strapparci un sorriso sono trascinate e riempitive, le sorprese mancano e il retrogusto amaro si fa vivo per l’ennesima volta. Il vecchio (e per noi noioso) marchio di fabbrica della commedia all’italiana in questo film non viene dimenticato, probabilmente credendo che ciò che ci ha contraddistinti in passato sia un valido destriero in grado di regalarci notorietà e successi ancora oggi. Personalmente, credo sia giunto il momento di aprire le finestre e cambiare l’aria: c’è troppa polvere e si sente odore chiuso…

Rocco Papaleo - foto di Gianni Fiorito
Rocco Papaleo – foto di Gianni Fiorito

Che Papaleo abbia la faccia simpatica e i tempi comici, è indiscutibile; che la Cortellesi qui sia fastidiosamente impostata e verosimilmente fragile, è impossibile da negare; e che Argentero sia goffo, illuso e perfettamente calato nella parte del perdente, è un dato di fatto. Bravi tutti, ma il tempo scorre seguendo una trama prevedibile che spegne ogni nuova fiammella cerchi di illuminare la scena.

Peccato….

Siccome, però, il film si lascia vedere, non è volgare e, tra quelli in uscita a Capodanno, è l’unico adatto a variegate e variopinte masse alla ricerca delle ultime risate scacciapensieri, prima del rientro in ufficio, a fatica, diamo una seppur scarsa sufficienza a “Un boss in salotto”, confidando però non sia previsto un sequel.

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi