/, Editoriali, Fun/Lettera dalla Befana

Lettera dalla Befana

By | 2016-02-29T23:30:13+00:00 gennaio 6, 2014|Curiosità, Editoriali, Fun|

Ciao a tutti,

mi rendo conto di quanto possa sembrarvi strano che io mi sieda davanti ad una tastiera ma, in fondo, cosa vi credevate? Che le mie vecchie mani rugose fossero buone soltanto per stringere il manico della mia scopa? Ho lasciato un paio di tonnellate di carbone qui, davanti alla porta di MaSeDomani, ed il Mac acceso costituiva una tentazione troppo forte, quindi eccomi a voi…

Ogni tanto qualcuno si chiede come mai io piaccia tanto. In fondo non sono bella, porto doni ma anche minerali fossili, non me ne vado in giro per i centri commerciali con un campanaccio e non faccio sedere i miei bambini sulle ginocchia a giocare con una barba bianca: ogni riferimento a quel ciccione vestito di bianco e di rosso è voluto, e sia chiaro che noi due NON abbiamo mai avuto nessuna storia di alcun genere.

Eppure, nonostante io non abbia le fattezze di una fata, sono in tanti a festeggiarmi: a Venezia – no, tanto per dire, Venezia! – i soci di una delle più antiche società di canottaggio si sfidano ogni anno vestiti da “Befani” e l’arrivo è segnalato da una gigantesca calza appesa sotto il Ponte di Rialto.

calza-ponte-rialto 

E, a proposito di calze, a Carrara anni fa ne fecero una proprio da Guinness dei Primati: lunga 70 metri, conteneve 1500 palloni di un metro di diametro, ognuno  dei quali contenente un sacco di regali: calze della befana in formato più domestico, i doci tradizionali, peluche per i più piccini.

calzarecordcarrara

A festeggiare il mio arrivo è inoltre una successione di falò e di fuochi accesi un po’ in tutta Italia: fatemi citare quelli del Friuli Venezia Giulia, non fosse altro che perchè se vi capita di passare per Buttrio o per Tolmezzo potrete gustare in mio onore del vin brulè e una focaccia di mais, fichi secchi, pinoli e uvetta. Sedetevi attorno al fuoco ed ascoltate gli anziani: dal movimento delle fiamme e delle faville sapranno trarre gli auspici per un 2014 che vi auguro favoloso.

falò-befana

E già, ma è rimasta una domanda: perché piaccio, nonostante la mia giornata tutte le feste porti via? Beh, forse perché sono proprio come voi: ho il naso brutto, invecchio, la mia pelle non concorre per una pubblicità della Nivea e qualche volte sono persino un po’ ingiusta.

Buon anno a tutti dalla vostra

strego-umanissima Befana

Dici Alfonso e pensi alla sua amata Triestina, alla sua biblioteca (rigorosamente ordinata per case editrici) che cresce a vista d’occhio, alla Moleskine rossa sempre in mano e alla adorata Nikon con la quale cattura scorci di quotidianità, possibilmente tenendo il corpo macchina in bizzarre posizioni, che vengono premiati ma non pensiate di venirlo a sapere. Se non vi risponde al telefono probabilmente ha avuto uno dei tanti imprevisti che riuscirà a tramutare in un esilarante racconto di “Viva la sfiga!”. Perché lui ha ironia da vendere ed un vocabolario che va controcorrente in questo mondo dominato dagli sms e dagli acronimi indecifrabili. Decisamente il più polivalente di tutti noi dato che è… il nostro (e non solo) Blogger senior che con il suo alfonso76.com ha fatto entrare la blog-o-sfera nella nostra quotidianità.

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi