//I quadri di Hopper in fotografia

I quadri di Hopper in fotografia

By | 2014-01-20T19:07:46+00:00 gennaio 20, 2014|Fotografia|

Molti di noi conoscono Edward Hopper ed apprezzano i suoi quadri: la capacità dell’artista americano di creare scene di purissima vita quotidiana che superano la pura rappresentazione e si tramutano in emozione non ha moltissimi eguali nella storia dell’arte moderna. E non è un caso scoprire come spesso siano differenti le interpretazioni che le persone attribuiscono alle sue opere: uno stesso dipinto viene letto come drammatico, nostalgico oppure sospeso in un tempo-luogo senza connotazioni ulteriori. Insomma, ogni sguardo lanciato ad un quadro di Hopper è un viaggio fatto in compagnia di un passeggero che non conosci, e che ti regalerà qualche brandello della sua Vita.

Richard Tuschman è un fotografo che ha avuto una idea meravigliosa: tradurre in fotografia l’arte di Hopper, compiendo un percorso in qualche misura inverso rispetto agli artisti del Realismo puro. E ci è riuscito, conservando pienamente le atmosfere e la magia delle più note opere pittoriche.

Il progetto, intitolato “Hopper Meditations”, ha comportato un lavoro di due anni in cui ogni singolo particolare rappresentato ha contribuito a ricreare quella atmosfera di intimità psicologica prima che fisica e di indagine della condizione umana.

Non si tratta di una pura operazione di – benché mirabile – copia dall’originale: le differenze si sostanziano nelle luci e nelle ombre, ideate con una drammaticità più sostanziale, che accentua ulteriormente la sensazione di scandaglio dell’animo umano. E funziona, altre 3 immagini per farvi vedere quanto funziona.

Sono debitore a MP per questa scoperta, mi sta decisamente allietando la serata! Grazie!

Dici Alfonso e pensi alla sua amata Triestina, alla sua biblioteca (rigorosamente ordinata per case editrici) che cresce a vista d’occhio, alla Moleskine rossa sempre in mano e alla adorata Nikon con la quale cattura scorci di quotidianità, possibilmente tenendo il corpo macchina in bizzarre posizioni, che vengono premiati ma non pensiate di venirlo a sapere. Se non vi risponde al telefono probabilmente ha avuto uno dei tanti imprevisti che riuscirà a tramutare in un esilarante racconto di “Viva la sfiga!”. Perché lui ha ironia da vendere ed un vocabolario che va controcorrente in questo mondo dominato dagli sms e dagli acronimi indecifrabili. Decisamente il più polivalente di tutti noi dato che è… il nostro (e non solo) Blogger senior che con il suo alfonso76.com ha fatto entrare la blog-o-sfera nella nostra quotidianità.

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi