Ma se domani... > Cinema > Festival > Berlinale 2014: il film STEREO

Berlinale 2014: il film STEREO

Un'immagine del film Stereo - Ph: Wild Bunch Germany
Un’immagine del film Stereo © Wild Bunch Germany

Il sette non ė mai stato il mio numero prediletto, sembra che tutti gli eventi nefasti della mia vita debbano accadere in concomitanza di un 7 (giorno, ora, mese) e anche il 7 febbraio ė stato un così detto giorno da dimenticare. Tra problemi di modem, furti e pellicole un po’ così, ho fatto poker! A metà giornata per risollevarmi da una partenza difficoltosa, ho riposto le speranze nel film tedesco Stereo, con un cast amato e di cui tanto sentivo mormorare. La scelta si ė rivelata un vero colpo basso, di sicuro ha ri-alzato il mio buon umore (anche se solo per poco tempo), e alcune trovate erano decisamente carine.

Partiamo dalle buone notizie: se vedete questo film, l’abbiocco post-pastum ve lo potete scordare. Troppo rumore, troppi cilindri, troppa musica anni ’80 (peraltro notevole e sempre coerente a immagini e trama). La fotografia, sbiadita, ingiallita, farcita di inquadrature testosteroniche di maschio teutonico a cavallo di motocicletta con l’immancabile giubbetto in pelle, è esilarante e la si dimentica in fretta. E i dialoghi stereotipati ci traumatizzano solo i primi dieci minuti, poi siamo troppo assuefatti e divertiti per notarli.

Un'immagine del film Stereo - Ph: Wild Bunch Germany
Un’immagine del film Stereo © Wild Bunch Germany

La nota dolente ė invece quella trama inizialmente scontata che scivola nell’assurdo e nel già visto che, unita alla sovrabbondanza di cliché di cui sopra, rende il film da dimenticare. La storia di Erik ė semplice: ha una piccola rimessa per motociclette in un paesino di provincia e nonostante l’aspetto, ha una fidanzata ed ė un eccellente patrigno. L’idillio si spezza il giorno in cui ha un incubo che si rivela una vera ossessione. Vede un uomo, un fantasma, una allucinazione, non ci ė dato saperlo. Il suo nome ė Henry e il suo manifestarsi getta nell’incertezza tanto il protagonista quanto lo spettatore.

Il crollo prende il via da qui. La matassa si srotolerà e i tasselli del mosaico troveranno il loro posto, un epilogo razionale (e piuttosto comune) c’è, ma arrivarci potrebbe procurarvi un gran mal di testa e/o gettarvi in uno sconfortante stato confusionale senza aver assunto alcuna bizzarra sostanza allucinogena.

Un'immagine del film Stereo - Ph: Wild Bunch Germany
Un’immagine del film Stereo © Wild Bunch Germany

Nonostante, quindi, il riconoscimento vinto per il suo film di debutto (Schwerkraft) il regista Maximilian Erlenwein con questo thriller, ricco di pseudo suspense e perle di saggezza, non ci fa tifare per il nostro eroe, non ci trascina in alcun vortice, insomma non ci comunica nulla oltre ai molti buoni propositi svaniti nel nulla.

Ed in effetti la cura per la colonna sonora e soprattutto quel cast in cui spicca la presenza di Moritz Bleibtreu ci fanno comprendere quanto impegno ci fosse alle spalle e ci fanno altresì sperare che in futuro il ragazzo (Erlenwein ė nato nel 1975) possa migliorare e regalarci una pellicola ben più convincente. Bocciato o, se preferite rimanere in una cornice vintage, “rimandato a Settembre”!

Vissia Menza 

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi