/, Libri, Recensioni/Recensione La quarta mano di John Irving

Recensione La quarta mano di John Irving

By |2016-02-29T23:48:45+00:00marzo 2, 2014|Lettura, Libri, Recensioni|

la-quarta-mano-john-irving

Curioso che sia successo proprio a me: con un curriculum scolastico che ha previsto – al liceo scientifico – una graziosa ripassata di matematica a settembre quattro anni su cinque (e il quinto no sono per la contingenza dell’esame di maturità), che mi sia balenata in testa l’idea di associare ad un libro una funzione aritmetica è probabilmente indice degli incubi che ancora mi accompagnano su questa specifica materia.

Eppure, “La quarta mano” di Irving ė esattamente così:

grafico-quarta-irving

Cercherò di spiegarmi senza spoilerare eccessivamente: osservate il primo periodo, contraddistinto dalla lettera (A). Il romanzo parte bene, si fa immediatamente leggibile, la vicenda del protagonista (un giornalista televisivo a cui un leone ha sbranato una mano durante un servizio in diretta) è godibile e in un paio di passaggi si fa fatica a trattenere le risate. Quasi l’Irving dei tempi migliori, quello di “Il mondo secondo Garp” e “Preghiera per un amico”, libri che ho amato tantissimo.

Poi ti accorgi che manca quella magia, quella sorta di leggerezza che ti teneva inchiodato alle pagine come precipitato in un mondo parallelo, e sei in piena fase (B). La vicenda si fa un po’ più confusa, le avventure “di letto in letto” del protagonista diventano vagamente più gratuite. Ci si riprende un po’ quando sentimenti e vita acquisiscono una direzione più lineare (tratto C) e ci si aspetta almeno un mezzo colpo di scena finale che… uhm… semplicemente non arriva (D).

Irving trasmette senza dubbio alcuni messaggi: la critica ad un certo tipo di società americana è ficcante, e lo é ancora di più la descrizione di un tipo di giornalismo eccessivamente scandalistico ed umorale a cui ci stiamo abituando anche da questa parte dell’Oceano. Il risultato, tutto sommato, non è mica troppo convincente.

Alfonso d’Agostino

Se lo volete leggere, almeno risparmiate qualche euro acquistandolo su Amazon.it

Dici Alfonso e pensi alla sua amata Triestina, alla sua biblioteca (rigorosamente ordinata per case editrici) che cresce a vista d’occhio, alla Moleskine rossa sempre in mano e alla adorata Nikon con la quale cattura scorci di quotidianità, possibilmente tenendo il corpo macchina in bizzarre posizioni, che vengono premiati ma non pensiate di venirlo a sapere. Se non vi risponde al telefono probabilmente ha avuto uno dei tanti imprevisti che riuscirà a tramutare in un esilarante racconto di “Viva la sfiga!”. Perché lui ha ironia da vendere ed un vocabolario che va controcorrente in questo mondo dominato dagli sms e dagli acronimi indecifrabili. Decisamente il più polivalente di tutti noi dato che è… il nostro (e non solo) Blogger senior che con il suo alfonso76.com ha fatto entrare la blog-o-sfera nella nostra quotidianità.

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi