Ma se domani... > Cinema > Anteprima > Pronti ad avere paura? Al cinema è arrivato il film horror OCULUS

Pronti ad avere paura? Al cinema è arrivato il film horror OCULUS

Oculus_poster

L’atteso film del regista Mike Flanagan è arrivato in sala e la curiosità era davvero molta. Il nostro uomo era riuscito in passato a girare un cortometraggio horror ad alta tensione con un unico personaggio, in una stanza, utilizzando un budget di soli 2.000 dollari e il risultato era stato da capogiri! Con un simile potenziale, era gioco forza che gli fornissero gli strumenti per sviluppare un lungometraggio. E così è nato “Oculus”. Storia claustrofobica, all’interno di una casa disabitata, ma non cadente, in cui i due protagonisti si trovano stritolati tra ricordi, visioni e allucinazioni.

La trama è semplice: due fratelli vedono il padre uccidere la madre dopo essere andato fuori di testa e il piccolo Tim fredda il papà nel tentativo di salvare la sorella e se stesso. Questo gesto gli costa, sino alla maggiore età, la libertà e gli impone una dose massiccia di psicoterapia. A 21 anni, Tim, infine, si ricongiunge con Kaylie, la quale invece è ancora ossessionata dagli eventi di quella fatidica notte di dieci anni prima ed è determinata a scoprire la verità. La giovane è, infatti, convinta che i genitori siano impazziti a causa dell’influenza maligna intrappolata nell’antico specchio appeso nello studio del padre. La ragazza lo recupera ad un’asta, riapre la casa di famiglia e coinvolge il fratello così da risolvere una volta per tutte il mistero.

Oculus - Photo: courtesy of M2 Pictures
Oculus – Photo: courtesy of M2 Pictures

Il gioco è bello quando dura poco, non è difficile immaginare che tutto sfuggirà di mano ai due giovani e ben presto si troveranno con un bel problema da risolvere, soprattutto perché l’energia sprigionata dal malefico specchio giocherà non poco con i loro sensi e le loro percezioni. Flanagan dimostra, infatti, di aver, oltre agli strumenti giusti, tutte le abilità necessarie per confezionare un film horror in grado di stupire e intrattenere il suo pubblico senza scadere nel banale, ridicolo o nella parodia.

Il regista dirige con sicurezza una pellicola dalla fotografia accurata, il cui soggetto ha numerosi punti di forza: unisce saggiamente le paure più comuni (la perdita di controllo, le allucinazioni, la tortura, la violenza domestica), alle esigenze più orrorifiche (la presenza di forze oscure e maligne, di fantasmi, di oggetti infestati, le possessioni demoniache e così via) condendole con una salsa thriller che rende la scoperta di cosa sia accaduto in quella casa un curioso crescendo ad altissima tensione.

Oculus - Photo: courtesy of M2 Pictures
Oculus – Photo: courtesy of M2 Pictures

Confondendo i piani temporali e ravvicinandoli sempre più, iniettando molta suspense, alzando l’aspettativa, mostrando solo quanto basta delle oscure presenze, il film riesce a inquietare la platea che allo scadere della prima ora inizia a mostrare tic nervosi inconsueti. Nonostante la prevedibilità di alcuni passaggi, in più di una occasione veniamo, infatti, presi tutti in contropiede al punto di apprezzare anche quel finale che tiene aperta la porta al proliferare del male.

“Oculus” è un frullatone di timori, fobie, paure che fa leva sul nostro lato più sensibile senza aggrapparsi ad immagini ad effetto. È uno di quei film dell’orrore che col suo lento scoprire le carte, può intrigare anche gli appassionati del giallo. Siamo difronte a uno dei migliori horror degli ultimi tempi che metterà davvero alla prova la vostra quiete interiore 🙂

Vissia Menza

Related posts

Comment(4)

  • M.H.
    04/10/2014 at 11:15

    mi stai spronando ad andarlo a vedere! bella recensione 🙂

    • V.
      04/10/2014 at 11:18

      MH Vai a vederlo! Era dall’epoca di SINISTER che non percepivo tanta inquietudine in sala 🙂

  • Anonimo
    04/18/2014 at 01:06

    È bellissimo

  • valter
    05/04/2014 at 13:26

    ho visto proprio ieri il film e’ molto bello

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi