Ma se domani... > Libri > Recensioni > Recensione Stupore e tremori di Amelie Nothomb

Recensione Stupore e tremori di Amelie Nothomb

stupore-e-tremori

Stupore.

Ti abbandoni a queste 120 pagine, che leggi in un pomeriggio, con lo stupore di chi vede descritta in una esperienza lavorativa estrema una serie di elementi che credevi – e che forse sono – cliché: il rapporto fra i giapponesi e il lavoro, un rispetto per la gerarchia che supera ogni aspetto di umanità, un certo senso di superiorità verso il mondo occidentale, azioni e pensieri non propriamente orientati al riconoscimento del ruolo della donna.

Tremori.

Perché in alcuni lunghi momenti della lettura ti tremano, letteralmente, le vene dei polsi. La discesa verso gli inferi aziendali di Amèlie è insopportabile, ci si domanda frase dopo frase quale possa essere il livello immediatamente successivo di umiliazione che sarà costretta a sopportare. E pagina dopo pagina è sempre un po’ peggio, e ti accorgi che ti stai infuriando sempre di più, ma continui a leggere fra le descrizioni dei pacchi di fotocopie da riprodurre una pagina alla volta, tentativi di ritagliarsi un ruolo che abbia una parvenza di utilità, buffi tentativi di inventarsi una attività che inizialmente fanno sorridere, e poco dopo infuriare.

Ho molto amato alcuni libri di Amèlie Nothomb: tendo a preferire i suoi racconti di fantasia alla narrazione, naturalmente romanzata, di aspetti autobiografici che caratterizzano parte della sua produzione. “Stupori e tremori” si iscrive a questo ultimo gruppo, ma è – decisamente – un libro da leggere: con un occhio a Kafka e alle assurdità della vita ed un altro a David Foster Wallace, per l’umorismo cinico ed il taglierino possente di una scrittura che ferisce.

Alfonso d’Agostino

La citazione:

“D’istinto andai alla finestra. Incollai la fronte al vetro e seppi che cosa mi sarebbe mancato: non a tutti era concesso di dominare la città dall’alto del quarantaquattresimo piano. La finestra era la frontiera tra la luce orribile e la mirabile oscurità, tra i gabinetti e l’infinito, tra l’igienico e l’impossibile da lavare, tra lo sciacquone e il cielo. Finché esisteranno finestre, l’essere umano più umile della terra avrà la sua parte di libertà.


Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi