Ma se domani... > Libri > Recensioni > Libri e calcio: La partita di pallone

Libri e calcio: La partita di pallone

Ancora una volta, devo essere grato a Sellerio; in questa occasione però il sentimento di pura gratitudine non deriva (solo) dalla pubblicazione di un gran bel libro, ma anche dall’avermi tolto da un grave imbarazzo. In occasione dei Mondiali di Brasile, avevo pianificato un post sui libri calcistici irrinunciabili, e nell’analizzare il settore sport della mia libreria mi ero reso conto di quale impresa titanica stessi per affrontare: ho una bibliografia essenziale, certamente non completa, ma la selezione rischiava di essere comunque complicata.

sellerio la partita di pallone

Con “La partita di pallone. Storie di calcio”, a cura di Laura Grandi e Stefano Tettamanti, Sellerio ci regala un sunto della letteratura sportiva sul gioco più praticato del pianeta, e riesce nella sua missione di dimostrazione dei legami fra la parola scritta ed il dribbling, la punteggiatura ed il tiro al volo, idee e tuffi plastici a deviare in corner.

L’operazione riesce ottimamente grazie ad una suddivisione non scolastica in capitoli tematici e, naturalmente, grazie alla “convocazione” di 27 grandi scrittori contemporanei che abbiano dedicato pensieri e righe al mondo del pallone, alla biografia di calciatori illustri, alle emozioni suscitate dalla sfera rotolante. Sono voci diverse ed insieme coerenti, profondamente vicine a noi, mai noiose o banali e soprattutto non ripetitive. Così, come è vero che un buona squadra di calcio è in grado di produrre uno sviluppo di gioco credibile solo esaltando le caratteristiche di ognuno dei suoi protagonisti in un sistema che li renda tutti importanti, così non sarebbe possibile eliminare alcuna delle pagine selezionate.

Ci facciamo cullare da Vladimir Dimitijevic e Vasco Pratolini, sedurre da Camilo José Cela e Vittorio Sermonti, intrigare dai giallisti Manuel Vàzquez Montalbàn e Maurizio de Giovanni; sorridiamo con Nick Hornby e sogniamo con Osvaldo Soriano, torniamo al magico 1982 con Davide Enia e adoriamo ogni riga di Gianni Brera in aperta polemica con Rivera, ritorniamo con piacere al bancone della locanda sportiva di Stefano Benni.

Gianni Brera e Nereo Rocco a passeggio a Trieste
Gianni Brera e Nereo Rocco a passeggio a Trieste

E’ una antologia immancabile che ha il pregio ulteriore di suscitare il desiderio di andare oltre, e allora eccoci a segnare sulla Moleskine i libri da cui sono tratti spezzoni comici, romantici, emozionanti e via, pronti per approdare in libreria a cercarne l’origine.

Non era semplice, credetemi, riunire in un solo volume lezioni di giornalismo e purissima narrativa senza dare una – anche minima – percezione di stucchevolezza. Allo stesso modo, non era facile intessere una tela di passione per lo sport e vera letteratura. “La partita di pallone” funziona, funziona maledettamente bene.

 

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi