Ma se domani... > Cinema > Recensioni > Recensione del film LA SPIA: un thriller con Philip Seymour Hoffman

Recensione del film LA SPIA: un thriller con Philip Seymour Hoffman

LaSpia_Poster

Günther Bachmann è un omone, è tedesco, è una spia dell’anti-terrorismo ed è bravo da far venire i brividi. Riflessivo, attento, risoluto, un po’ sballato, con un fiuto da segugio, Bachmann svolge il suo mestiere egregiamente in purgatorio: è di stanza ad Amburgo dove, da tempo, osserva un accademico, mussulmano, illuminato e importante. Il nostro protagonista è, infatti, convinto che qualcosa non quadri ed è determinato a smascherare le “donazioni” che il Professore sovente fa a favore di una compagnia cipriota.

L’investigazione si complica il giorno in cui in città arriva un misterioso giovane, privo di documenti, che reclama una pesante eredità. La trama s’infittisce e una lunga partita a scacchi tra Berlino e Amburgo prende il via coinvolgendo i vari intelligence che hanno a cuore la lotta al terrore. “La Spia – A most wanted man”, trasposizione su grande schermo del romanzo scritto da John le Carré, ha un incedere inesorabile, la storia è mozzafiato, e la suspense regna sovrana.

Una scena del film La Spia - Photo: courtesy of Notorius Pictures
Una scena del film “La Spia” – Photo: courtesy of Notorius Pictures

L’autore, noto al grande pubblico per un altro libro che ha dato vita a una pellicola che fece furore quale “La Talpa”, di nuovo, ci travolge e trascina in una lotta contro il tempo (e la stupidità umana), con maestria e decisione. Le redini questa volta sono affidate al regista olandese Anton Corbijn il che, inizialmente, mi ha fatto tremare non poco. Lo confesso, non amo Corbijn.

Fan della prima ora di band come i Depeche Mode, i REM, i Nirvana e molti altri artisti che hanno affidato la propria immagine (e i videoclip delle loro hit) al regista, sono sempre stata perplessa dal risultato finale. Corbijn è un ottimo fotografo, ma non sono mai riuscita a individuare la genialità dei suoi video, per non parlare della qualità della regia di “The American”, che ho trovato distante anni luce dall’eccellenza. Quindi oggi, con gioia mi accingo a tesserne le lodi.

Philip Seymour Hoffman nel film "La Spia - Photo: courtesy of Notorius Pictures
Philip Seymour Hoffman nel film “La Spia” – Photo: courtesy of Notorius Pictures

Ammetto di non aver letto il libro di Le Carré, ma il film che mi è stato mostrato (non doppiato né sottotitolato) aveva un impatto visivo, sonoro e recitativo da togliere il fiato. “A most wanted man” ha una regia sicura e attenta, un cast perfetto che non ha sbagliato un sospiro o una battuta, e un protagonista mastodontico, come solo Philip Seymour Hoffman poteva fare. L’attore ci ha lasciato ricolmi di ricordi, tante le interpretazioni, mai uguali, sempre convincenti, che rimarranno a lungo nella memoria collettiva.

Anche in questa pellicola tutto il suo carisma emerge nel suo agente Bachmann. Respiriamo con l’uomo, sentiamo l’odore delle sue sigarette sulle nostre dita, avvertiamo la tensione al punto da arrivare sudati e stremati alle battute finali. Addirittura inveiamo con lui. Tutto proviamo e subiamo. E, alla fine, non possiamo che alzarci in piedi ad applaudire a questo grande attore di cui sentiamo già la mancanza.

“La Spia”, in sala dal 30 ottobre 2014, è un thriller, è una spy-story, è un’avventura senza tregua per appassionati di storie di politica, spie, buoni e cattivi, insomma, è adatto a tutti.

Vissia Menza

Related posts

Comment(1)

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi