/, Libri, Recensioni/Il cavallo di ritorno, primo giallo di Peppe Lanzetta

Il cavallo di ritorno, primo giallo di Peppe Lanzetta

By |2016-02-29T23:44:53+00:00novembre 30, 2014|Lettura, Libri, Recensioni|

peppe-lanzetta

Sapevo che Peppe Lanzetta fosse un attore. Sapevo anche fosse autore di testi teatrali e cinematografici, e sapevo fosse un romanziere.

Non sapevo che Peppe Lanzetta fosse un mosaicista.

“Il cavallo di ritorno”, edito da CentoAutori con una prefazione di Maurizio De Giovanni, è tale e quale a un mosaico: il singolo tassello su cui stai fissando lo sguardo potrà sembrarti bello, e stai perdendo la vista di insieme. Eppure, senza quel singolo tassello non esisterebbe proprio, un insieme.

copertina-il-cavallo-di-ritorno-peppe-lanzetta

Ad essere rappresentata nel mosaico è la città di Napoli, con tutte le sue contraddizioni, con i suoi colori, le sue piccole e grandi assurdità. Siamo lontani, è giusto sottolinearlo, dalla caricatura macchiettistica di cui sono spesso intrisi i pregiudizi sulla città partenopea: l’occhio di Lanzetta è spietato quanto quello di un innamorato ferito che non può fare comunque fare a meno di perdersi nello splendore della sua bella.

Per questo suo primo romanzo giallo, Lanzetta decide dio dare vita ad un personaggio che conquista immediatamente il lettore: amante del kebab, decisamente… pingue, tifoso juventino in un commissariato naturalmente “azzurro”, introdotto da un incipit che più diretto non si può, Ugo Peppenella dovrà indagare su una serie di furti d’arte – e non si tratta di statue qualsiasi – e su una catena di omicidi che sembrano quasi rituali. Tra boss della camorra e una spalla che convince in pieno, la lettura scorre in un lampo, alternando situazioni che muovono al sorriso con altre che provocano indignazione e rabbia. Una vera alternanza di registri, dalla farsa al dramma, che restituisce una sfumatura nuova al giallo italiano, genere che nei confini nazionali continua a regalare, a mio parere, grandi soddisfazioni.

“Il cavallo di ritorno” è davvero una bella lettura. E’ giusto che ve la possiate godere, e per il primo che commenterà questo post con uno squillante “Lo voglio!” è in arrivo una copia omaggio, con spedizione a nostre spese. Un piccolo regalo per un romanzo in cui credo molto.

Dici Alfonso e pensi alla sua amata Triestina, alla sua biblioteca (rigorosamente ordinata per case editrici) che cresce a vista d’occhio, alla Moleskine rossa sempre in mano e alla adorata Nikon con la quale cattura scorci di quotidianità, possibilmente tenendo il corpo macchina in bizzarre posizioni, che vengono premiati ma non pensiate di venirlo a sapere. Se non vi risponde al telefono probabilmente ha avuto uno dei tanti imprevisti che riuscirà a tramutare in un esilarante racconto di “Viva la sfiga!”. Perché lui ha ironia da vendere ed un vocabolario che va controcorrente in questo mondo dominato dagli sms e dagli acronimi indecifrabili. Decisamente il più polivalente di tutti noi dato che è… il nostro (e non solo) Blogger senior che con il suo alfonso76.com ha fatto entrare la blog-o-sfera nella nostra quotidianità.

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi