/, Libri, Recensioni/Recensione L’inquilino del terzo piano di Roland Topor

Recensione L’inquilino del terzo piano di Roland Topor

By | 2016-02-29T23:44:49+00:00 dicembre 27, 2014|Lettura, Libri, Recensioni|

l'inquilino-del-terzo-piano

Uno dice “L’inquilino del terzo piano” e a tutti si illuminano gli occhi: eccovi lì, pronti ad esclamare “sì, l’ho visto”, riferendovi ovviamente al film di Roman Polanski.

SDREEEENG (rumore fastidioso che si sente nei quiz quando la risposta è sbagliata).

Forse non sarà noto a moltissimi, ma la pellicola magistralmente diretta dal regista polacco naturalizzato francese è l’adattamento di un romanzo memorabile: si intitola “Le locataire chimérique” e fu inizialmente tradotto in italiano come “L’inquilino stregato” prima di assumere il titolo con cui è famoso anche sul grande schermo.

L’autore è Roland Topor, e per tracciarne la biografia non basterebbero sei post. Limitiamoci a segnalarlo come surrealista, nel senso artisticamente più completo, complesso, poliedrico che possiate immaginare. E a proposito di immaginazione, ecco cosa ci regala il suo primo romanzo: una ambientazione parigina, un giovane protagonismo che è il ritratto del pacifismo condominiale, un gruppo di vicini che lo accusano gratuitamente di varie nefandezze, spesso ben oltre il limite dell’assurdo, e che rendono la sua esistenza un vero e proprio incubo.

Già, incubo: non sono un amante del genere horror, ma non riesco a immaginare nulla di più terrorizzante di una casa che diventa prigione, di un palazzo che diventa divoratore di vita. Il romanzo ci fa godere di tutte le sfumature di una situazione davvero inquietante, una sorta di sensazione claustrofobica dovuta alla situazione del protagonista che coinvolge inevitabilmente anche il lettore. A livello di sensazioni, mi ha ricordato alcune letture di Matheson: “Tre millimetri al giorno” – per citare il primo che mi viene in mente – sviluppa le stesse atmosfere surreali inchiodandoti nella stessa maniera, forse con un respiro meno sociale. In Topor, infatti, è decisamente più avvertibile la metafora di una società che esclude, di un mondo che respinge.

Assolutamente consigliato.

Alfonso d’Agostino

SCHEDA LIBRO
TITOLO: L’inquilino del terzo piano
AUTORE: Roland Topor
EDITORE: Bompiani
COLLANA: Tascabili. Romanzi e racconti
PAGINE: 176
Traduzione: Giovanni Gandini
ISBN: 978-8845201356

Dici Alfonso e pensi alla sua amata Triestina, alla sua biblioteca (rigorosamente ordinata per case editrici) che cresce a vista d’occhio, alla Moleskine rossa sempre in mano e alla adorata Nikon con la quale cattura scorci di quotidianità, possibilmente tenendo il corpo macchina in bizzarre posizioni, che vengono premiati ma non pensiate di venirlo a sapere. Se non vi risponde al telefono probabilmente ha avuto uno dei tanti imprevisti che riuscirà a tramutare in un esilarante racconto di “Viva la sfiga!”. Perché lui ha ironia da vendere ed un vocabolario che va controcorrente in questo mondo dominato dagli sms e dagli acronimi indecifrabili. Decisamente il più polivalente di tutti noi dato che è… il nostro (e non solo) Blogger senior che con il suo alfonso76.com ha fatto entrare la blog-o-sfera nella nostra quotidianità.

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi