Ma se domani... > Cinema > Anteprima > Cinema: LE LEGGI DEL DESIDERIO vi faranno sognare

Cinema: LE LEGGI DEL DESIDERIO vi faranno sognare

le-leggi-del-desiderio_poster

Silvio Muccino torna al cinema, torna dietro la machina da presa, torna da protagonista in una pellicola frizzante, dolce e reale, figlia del nuovo millennio. Siamo tutti più insicuri, stressati, soli e spesso in competizione gli uni con gli altri. Ci sentiamo dei falliti ancora prima di iniziare. Abbiamo bisogno di libri, corsi, life coach, psicoanalisi e tutti gli strumenti (vecchi e nuovi) utili a farci accettare i nostri limiti e a valorizzare i nostri pregi per sentirci realizzati, nel lavoro e soprattutto negli affetti.

I sentimenti, questi traditori, ci fanno palpitare, girare la testa, non capire più nulla, mentire a noi stessi e talvolta fallire clamorosamente. E quando vogliamo distrarci, le commedie romantiche sono il nostro appiglio preferito, le cerchiamo e ce le beviamo in un sorso, soprattutto se americane. Silvio Muccino non lo è, e la cosa ci fa entrare in sala timorosi di udire la solita voce fuori campo pronta a presentare se stessa e la propria disgrazia. Non è andata così.

Il regista - Foto di Gianni Franzo
Il regista Sivio Muccino – Foto di Gianni Franzo

“Le leggi del desiderio” è un film attento, ritmato, con una sceneggiatura solida che cresce, ci fa scoppiare a ridere e poi vira verso una conclusione probabile e prevedibilmente romantica. Ricorda le migliori commedie confezionate oltre oceano, ma rimane fedele allo sguardo italiano. La trama piace ancor prima di realizzarlo, grazie ad un’insolita sobrietà e a un tempo battuto  da una colonna sonora che ci fa venir voglia di alzare lo stereo ad alto volume come non capitava dagli anni ’90.

Questa è la storia di Giovanni Canton (Sivio Muccino) un trainer motivazionale di successo che col suo libro balza in cima alle classifiche (e salva la casa editrice). È un uomo in grado di trascinare le folle, amato o odiato, considerato da alcuni un santone e da altri un cialtrone, che un giorno decide di provare le sue teorie con un esperimento da mostrare mesi dopo in televisione. Ma questa, è anche la storia dei tre prescelti: un disoccupato, una segretaria, un’assistente di redazione. Lo scopo è dimostrare che seguendo precisi schemi si possano avverare tutti i desideri, siano d’amore, lavorativi, o altro. Tra i quattro si stabilirà un legame inatteso dalle conseguenze molto umane.

Una scena del film - Foto di Gianni Franzo
Una scena del film – Foto di Gianni Franzo

Il film è bello oltre ogni previsione. Il regista è accorto, cresciuto e sicuro di se. La confezione brilla e dimostra come anche a questa latitudine si possano realizzare pellicole romantiche non lagnose o con ritmo incespicante. L’immedesimazione non è solo possibile, è immediata, supera qualsiasi reticenza. Le storie di questi tre personaggi sono le nostre, nei desideri, negli insuccessi, nei sogni, nel quotidiano. L’intrattenimento non scivola sino a quel finale – perdonabile – ai miei occhi melenso che è il più ovvio, prevedibile e probabilmente cercato dal pubblico che, mai come oggi, ha necessità di sognare, credere che il meglio debba ancora arrivare, e di giocose evasioni.

Mi sfugge il motivo per cui “Le leggi del desiderio” non sia uscito in sala a San Valentino, ma sono sicura che piacerà ai giovanissimi, alla mia generazione e a chi l’amore di gioventù lo ricorda col sorriso.

Vissia Menza

n.d.r. un click QUI per leggere l’approfondimento sulla colonna sonora

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi