Ma se domani... > Mostre > Mostra LA CAMICIA BIANCA SECONDO ME. GIANFRANCO FERRÉ.

Mostra LA CAMICIA BIANCA SECONDO ME. GIANFRANCO FERRÉ.

Mostra Ferré locandina

Una camicia bianca. Che cosa c’è di più noioso, deprimente quasi, nel guardaroba di una donna? Ci ricorda ferro da stiro e lavoro d’ufficio, quell’obbligo di vestirsi “in divisa”, corrette ma non necessariamente eleganti, qualcosa di semplice e banale che ci rende indistinguibili fra tante. Poi, siccome i miracoli avvengono, ci troviamo davanti a 25 camicie create – o meglio, minuziosamente progettate – da Gianfranco Ferré: e tutto cambia.

Un grande cuoco lo riconosci da come riesce a trasformare in un piatto sopraffino un uovo al tegame, un grande sarto da come sa reinventare un’umile camicia bianca, trasformandola in una impareggiabile opera d’arte. Perché di arte davvero si può parlare: non per nulla la mostra LA CAMICIA BIANCA SECONDO ME. GIANFRANCO FERRÉ è ospitata in una sede pubblica prestigiosa, la Sala delle Cariatidi di Palazzo Reale a Milano, in un omaggio della città ad un grande interprete della moda italiana.

2 DUMAS e SAILOR GLAM

Come scrisse Baudelaire “l’immaginazione è la più scientifica delle facoltà”. E ne ha usata tanta l’architetto Ferré, in un mix di fantasia e meticoloso rigore, in continua innovazione ma sempre seguendo un suo riconoscibile stile. Uno stile che, con milanese sobrietà, è sempre rifuggito dagli eccessi, legando la creatività a punti di riferimento precisi e sicuri nelle forme, nei materiali e nei colori.

In una sala semibuia dove i giochi d’illuminazione sono essenziali, le 25 camicie indossate da manichini sono il nucleo centrale. Tutto intorno il percorso espositivo, che attraversa oltre vent’anni di progettazione, prevede per ogni modello bacheche con materiali d’archivio: bozzetti, disegni di dettagli tecnici, foto di sfilate e immagini pubblicitarie.

Ferré-al-lavoro_Foto: Fondazione Ferré

La moda non è la sorella minore dell’arte o della fotografia: è un diverso linguaggio. E non è niente di effimero: è cultura, ricerca, lavoro. Con la sua profonda conoscenza dei materiali Ferré ha utilizzato in accostamenti a volte inediti tessuti di seta e di cotone, sensuale raso e rigido popeline, scrocchiante taffettà e morbido crêpe de chine, spesso e “maschile” piquet ed impalpabile organza. E poi tulle e merletti, perle e ricami, impeccabili impunture a mano e bottoni appariscenti o invisibili, conferendo alla originariamente compassata e per tanto tempo immutabile camicia bianca, mille meravigliose identità.

M. P. 

4 ROCAILLE

LA CAMICIA BIANCA SECONDO ME. GIANFRANCO FERRÉ
a Milano dal 10 marzo al 1° aprile
Sala delle Cariatidi di Palazzo Reale
Ingresso libero

Informazioni pratiche, una ricca presentazione e belle immagini le trovate sul sito dedicato mostra.fondazionegianfrancoferre.com

 

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi