Ma se domani... > Libri > Recensioni > Pensando a Borges e a L’Aleph

Pensando a Borges e a L’Aleph

argentina

Jorge Luis Borges

Dice: “Non hai mai recensito Borges”
Dico: “Come fai a recensire Borges?”

No, davvero, come fai a scrivere qualcosa di intelligente su Borges, o che non sia già stato detto?

Non resta che affidarsi al ricordo personale, con una premessa: nel celebre file dei 1001 libri da leggere a ogni costo, viene proposto “Labirinti” di Borges. Non cercatene una versione italiana: si tratta della traduzione del titolo dato in Francia alla prima raccolta di racconti dell’enorme scrittore argentino pubblicata su suolo europeo, che conteneva quattro racconti editi nel nostro “L’Aleph”: “L’immortale”, “La scrittura del Dio”, “La ricerca di Averroè” e “Storia del guerriero e e della prigioniera”. Ecco, è a quest’ultimo che devo un ricordo adolescenziale.

borges_aleph200

Perché c’è una cosa che va detta di Borges: la sua scrittura certamente non semplice, evocativa, infinitamente colta ed erudita spinge a volerne sapere di più. Leggi e ti rendi conto che ti stanno sfuggendo dei riferimenti – in Borgtes sono innumerevoli – e te ne dispiaci profondamente.

A me, “Storia del guerriero e e della prigioniera” era piaciuto tantissimo. Questa storia di un longobardo, nato e cresciuto nell’odierna Germania, che inviato a combattere in Italia “vede il giorno e i cipressi e il marmo. Vede un insieme che è molteplice senza disordine; vede una città, un organismo fatto di statue, di templi, di giardini, di case, di gradini, di vasi, di capitelli, di spazi regolari e aperti” e decide di abbandonare i suoi dei e combattere per Ravenna, oh, mi aveva quasi commosso. E’ che allora non c’era Internet, non potevo permetterti di googlare un nome e… tac… leggerti dodici milioni di risultati. Di conseguenza: viaggio verso la biblioteca comunale, gran ricerca con risultati piuttosto scarsi, un certo desiderio di conoscenza rimasto insoddisfatto.

Anni dopo, quando un modem 14.4k caricava con gran in un aula universitaria l’home page di HotBot (chissà perché, motore di ricerca di gran successo allora), la prima chiave di ricerca che digitai fu “Frecce Tricolori”. La seconda, “Droctulf”, il nome del barbaro che aveva scelto la bellezza e a cui i ravennati dedicarono un epitaffio magnifico, andato purtroppo perduto:

“terribile d’aspetto, ma benigno d’animo e con una lunga barba sul cuore coraggioso./ Poiché amava i pubblici segni di Roma,/ fu sterminatore della sua stessa gente./ Trascurò i suoi cari genitori, mentre amò noi,/ ritenendo che questa fosse, o Ravenna, la sua patria”.

Alfonso d’Agostino

P.S. Ovviamente vale per il nostro giro del mondo letterario, stazione Argentina

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi