///Milano che cambia: Porta Nuova

Milano che cambia: Porta Nuova

By |2015-11-26T18:10:24+00:00luglio 12, 2015|Tempo Libero, Turismo|
Se ci avete seguito nel nostro consiglio della scorsa settimana, le vetrate di destra del Belvedere di Palazzo Lombardia vi avranno regalato una vista complessiva e incantevole della “nuova Porta Nuova” (praticamente, Porta Nuova al quadrato…).
Porta-nuova-by-night
In bicicletta sono meno di dieci minuti, con un plus non indifferente: la possibilità di attraversare un vero e proprio campo di grano in pieno centro cittadino. Avete letto bene: l’installazione di Agnes Denes, concepita per l’alimentarissimo Expo2015, ha previsto la semina di grano in un’area di 5.000 metri quadri, e passeggiare tra le spighe mentre attorno a te spuntano grattacieli e Bosco Verticale è una esperienza da provare a ogni costo.
1143239-034-kByF-U430608952084380oF-1224x916@Corriere-Web-Milano-593x443
La “nuova Porta Nuova” fa pensare a una grande città americana (una a caso, New York). Rappresenta bene quel misto fra funzionalità e linee avveniristiche che in altre epoche contraddistinse l’architettura in Italia. E ci sono un paio di punti che vi prego con tutto il cuore di andare a godervi.
Il primo è una sorta di installazione artistica costituita da “tubi” che sfruttano i diversi piani della piazza per creare un antico e originale metodo di incontro e comunicazione: come capirete meglio dalla foto qui sotto, parlando attraverso un tubo entrerete in contatto con chi sta sotto di voi, e il belloo è che in nessun caso potrete vederlo.
tubi-porta-nuova
C’è di più: fino al 31 ottobre 2015 in Piazza Gae Aulenti, nel cuore del quartiere Porta Nuova di Milano, vi aspetta Panorama, una struttura ottagonale in legno color antracite del diametro di 25 metri che ospita una installazione video della durata di 15 minuti proiettata a 360° su pareti circolari alte 5 metri. Davanti a voi – o, meglio ancora, intorno a voi – vedrete scorrere immagini che racconteranno la straordinaria bellezza del nostro paese. Il tutto, ancora una volta, a ingresso gratuito.
panorama
Gambe in spalla: Porta Nuova vi aspetta!
Alfonso d’Agostino

Dici Alfonso e pensi alla sua amata Triestina, alla sua biblioteca (rigorosamente ordinata per case editrici) che cresce a vista d’occhio, alla Moleskine rossa sempre in mano e alla adorata Nikon con la quale cattura scorci di quotidianità, possibilmente tenendo il corpo macchina in bizzarre posizioni, che vengono premiati ma non pensiate di venirlo a sapere. Se non vi risponde al telefono probabilmente ha avuto uno dei tanti imprevisti che riuscirà a tramutare in un esilarante racconto di “Viva la sfiga!”. Perché lui ha ironia da vendere ed un vocabolario che va controcorrente in questo mondo dominato dagli sms e dagli acronimi indecifrabili. Decisamente il più polivalente di tutti noi dato che è… il nostro (e non solo) Blogger senior che con il suo alfonso76.com ha fatto entrare la blog-o-sfera nella nostra quotidianità.

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi