Ma se domani... > Fotografia > A Chicago tra Hopper e Claude Andreini

A Chicago tra Hopper e Claude Andreini

L’estate fotografica del Friuli Venezia Giulia è sempre molto ricca; in questo 2015 uno spazio è stato offerto all’italo-belga Claude Andreini, artista che – via web – ho sempre seguito con un certo interesse determinato da un percorso solido e originale che mi ha colpito in ogni sua tappa.

Nella personale “Chicago” ospitata al Castello di Spilimbergo (Pordenone) fino al prossimo 30 agosto, Andreini dialoga con Hopper: evidentemente affascinato dalla capacità del pittore americano di creare sentimenti su tela con la semplice (si fa per dire) riproposizione di contesti urbani, Andreini ha sviluppato un percorso fotografico personale intrigante, fatto di silenzi e movimenti congelati, di luci e ombre che definiscono la realtà, di singoli annegati nella massa spersonalizzati come i celebri “senza volto” di Hopper.

 

 

Una nuova sfida, certamente superata con successo: mostrare la solitudine nel gruppo, la tragedia nella normalità, la fine dopo ogni inizio.

Alfonso d’Agostino

Claude Andreini, Chicago
Luogo: Palazzo Tadea, Castello di Spilimbergo (PN)

dall’11 Luglio 2015 al 30 Agosto 2015
Ingresso: 2 euro
Orario: giovedì-venerdì 16.00 – 20.00; Sabato – domenica 10.30 – 12.30; 16.00 – 20.00

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi