//Make in Italy: il genio italiano in mostra a Milano

Make in Italy: il genio italiano in mostra a Milano

By | 2015-11-07T03:34:11+00:00 agosto 10, 2015|Mostre|
Di cosa parliamo quando parliamo di Italia?
Certo, parliamo – e ne dobbiamo parlare sempre di più – di criminalità organizzata, di corruzione, di assistenzialismo, di grandi opere incompiute.
Ma dovremmo – e ne sono piuttosto convinto – parlare anche di altro.
Dovremmo parlare della P101, nata dalla fantasia e dalla professionalità di un gruppo di ingegneri Olivetti: lo sapevate che il primo PC da tavolo non è nato in un garage negli States ma dalle parti di Pisa?
programma101_ridotta
Dovremmo parlare della Valentine, che non era soltanto una macchina da scrivere ma qualcosa di più: un oggetto bello, trendy, dalle linee armoniose. Una sorta di status symbol, coloratissimo, persino seducente: vi rendete conto che quando fu creata da Ettore Sottsass nel 1968 conteneva già tutte le caratteristiche dei “must to have” odierni, inclusi i progetti Apple? Il successo commerciale non fu enorme, ma quello glamour decisamente si: Valentine compare in un frame di “Arancia meccanica” di Stanley Kubrick (1971) e fu fotografata in mano alla coppia Richard Burton – Liz Taylor.
03_valentine_storie_makeinitaly
O forse dovremmo parlare di Massimo Marchiori, matematico italiano classe 1970 che nel 1995 diede vita a Hyper Search, primo algoritmo al mondo a effettuare ricerche online usando il concetto dell’iper-informazione, cioè selezionando i risultati offerti agli utenti anche sulla base della relazione fra una singola pagina e il resto del mondo web. Lavoro tanto apprezzato da essere stato citato da Sergey Brin e Lawrence Page (esatto, i creatori di Google) in un saggio del 1997 considerato la prima base per lo sviluppo del motore di ricerca più utilizzato di tutti i tempi.
Forse dovremmo raccontare della plastica che si scioglie dopo dieci giorni in acqua (la Bio-on di Marco Astorri e Guy Cicognani), o dell’ormai mitico Common Rail sviluppato da FIAT, o ancora di The Rygo, la stampante 3D più grande al mondo.
wired_di_maggio_cover_8455
Fino al prossimo 16 agosto, il Museo della Scienza e della Tecnica di Milano racconta 50 anni di innovazioni italiane in una mostra dal titolo “Make in Italy” e la cui visita è inclusa nel prezzo di ingresso. Una occasione straordinaria per scoprire l’innovazione italiana e, perchè no?, risollevare un po’ anche l’amor patrio.
Alfonso d’Agostino
Make in Italy
fino al 16 agosto 2015DOVE
Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia, Milano MISITO WEB
http://www.makeinitaly.foundation

Dici Alfonso e pensi alla sua amata Triestina, alla sua biblioteca (rigorosamente ordinata per case editrici) che cresce a vista d’occhio, alla Moleskine rossa sempre in mano e alla adorata Nikon con la quale cattura scorci di quotidianità, possibilmente tenendo il corpo macchina in bizzarre posizioni, che vengono premiati ma non pensiate di venirlo a sapere. Se non vi risponde al telefono probabilmente ha avuto uno dei tanti imprevisti che riuscirà a tramutare in un esilarante racconto di “Viva la sfiga!”. Perché lui ha ironia da vendere ed un vocabolario che va controcorrente in questo mondo dominato dagli sms e dagli acronimi indecifrabili. Decisamente il più polivalente di tutti noi dato che è… il nostro (e non solo) Blogger senior che con il suo alfonso76.com ha fatto entrare la blog-o-sfera nella nostra quotidianità.

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi