Ma se domani... > Cinema > Recensioni > Horror scolastici in sala: THE GALLOWS – L’ESECUZIONE

Horror scolastici in sala: THE GALLOWS – L’ESECUZIONE

the-gallows_posterITA

Primi anni novanta. Durante una recita scolastica uno studente perde la vita davanti agli sguardi impotenti e attoniti dei genitori e dei compagni di classe. Giorni nostri. Dopo due decadi, nel liceo in cui avvenne il nefasto incidente, un gruppo di studenti decide di riportare in scena la pièce che segnò la storia della scuola, The Gallows. Protagonisti di oggi sono due ragazzi: lei innamorata del palcoscenico, lui innamorato di… lei. Lo sforzo collettivo è di ricordare e omaggiare il passato mentre quello del migliore amico del protagonista è di esorcizzare i brutti ricordi dimostrando che oramai sia una storia chiusa.

Reese, Pfeifer, Cassidy e Ryan sono i quattro malcapitati che la notte prima del debutto si ritrovano intrappolati nel teatro in balia dell’anima inquieta di Charlie, lo studente morto vent’anni prima. Il suo fantasma pare, infatti, più che mai determinato a ottenere la sua rivincita, lui che neppure avrebbe dovuto interpretare la parte che gli costò la vita!

Photo Credit: Courtesy of Warner Bros. Pictures
Photo Credit: Courtesy of Warner Bros. Pictures

THE GALLOWS – L’ESECUZIONE è girato con il sistema del finto found footage. Filmino di pessima qualità, amatoriale, per lo più girato con il cellulare, per mano della testa calda del gruppo, Ryan. I quattro, dopo essersi introdotti nella notte nell’istituto scolastico, diventeranno l’oggetto del desiderio dello spirito che aleggia dietro le quinte. Contro un’anima furibonda, hanno ben poche speranze quattro ragazzini impressionabili che – ovviamente – prenderanno una serie di decisioni sconsiderate mettendosi sempre più in pericolo.

Come ogni opera basata su pseudo-filmati improvvisati, la camera traballa un sacco, le inquadrature vanno spesso e volentieri fuori fuoco e/o fuori scena, e i colori prediletti sono il rosso e il verde tipico della visione notturna. Respiro corto e urletti in lontananza regnano sovrani e, nonostante non assistiamo a spargimenti di sangue, né affrontiamo direttamente esseri tornati dall’al-di-là, intuiamo che uno alla volta i quattro giovani faranno una brutta fine.

Photo Credit: Courtesy of Warner Bros. Pictures
Photo Credit: Courtesy of Warner Bros. Pictures

THE GALLOWS – L’ESECUZIONE è uno di quegli horror 1.0, ossia per principianti. Riesce a inquietare solo chi non è aduso al genere e non ha mai fagocitato letteratura del terrore (forse). Tutto è da manuale, visto tante volte e, di conseguenza, prevedibile e facilmente dimenticabile. Nonostante le migliori intenzioni, è impossibile soffrire e venir presi in contropiede. Anche la risata è scongiurata dall’assenza dell’elemento splatter e/o della battuta sconsiderata detta al momento meno appropriato. A ben vedere, però, ciò che i mangia-pane-e-mostri avvertono come un handicap, per gli amanti del grande schermo con il cuore tenero potrebbe rivelarsi una benedizione: in molti potranno, infine, godersi un film dell’orrore con amici e amichette senza soffrire di incubi notturni. Potremmo ribattezzarlo “horror scacciapensieri”.

Insomma, c’è un bel po’ di fumo e poco arrosto. Soddisferà soprattutto gli estimatori occasionali, ferma restando una profonda ammirazione verso i due registi che hanno sfruttato la rete in modo creativo pur di riuscire a realizzare il loro progetto. Bravi per aver provato. La prossima volta andrà meglio 🙂

Vissia Menza

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi