//Storia di una foto: Dewey batte Truman

Storia di una foto: Dewey batte Truman

By |2015-09-28T09:20:00+00:00settembre 16, 2015|Fotografia|

Quando si parla di sondaggisti e di previsioni non azzeccate, in Italia il pensiero corre alle celebri “bandierine” di Emilio Fede: una notte di elezioni regionali in cui il conduttore quasi ufficiale del centrodestra arricchì una piantina dell’Italia con una dozzina di segnalazioni di vittoria del Polo delle Libertà, salvo poi svegliarci tutti quanti la mattina dopo e scoprire che a Forza Italia e dintorni ne erano rimaste a stento cinque.

Ma c’è una foto che racconta una storia simile e ancor più clamorosa: l’anno è il 1948, e negli Stati Uniti si stanno svolgendo le elezioni presidenziali.

Gli espertoni sono tutti concordi: il presidente uscente, Harry Truman, era dato per spacciato. Al candidato repubblicano Thomas Dewey veniva accreditato un vantaggio di più di dieci punti, e il quotidiano “Chicago Daily Tribune” uscì a poche ore dalla chiusura delle urna con uno squillante “Dewey defeats Truman” (“Dewey sconfigge Truman”) a caratteri cubitali in prima pagina.

TYP-457897-4751466-dewey-defeats-truman

Considerando che il volto che vedete qui sopra è quello delle stesso Truman, avrete intuito cosa fosse successo: nel segreto dell’urna gli americani scelsero di snobbare due candidati “minori” (Wallace e Thurmond) e scelsero Truman, che rimase POTUS col 49% dei suffragi. E al ri-eletto non restò che posare con una delle copie che ne avevano previsto al defenestrazione dalla Casa Bianca.

Curiosamente, un’altra elezione americana fornì alla stampa italiana l’occasione per una clamorosa debacle. George W. Bush venne eletto per il secondo mandato con più di tre milioni e mezzo di voti di vantaggio, ma il Manifesto preferì appoggiarsi ad un sondaggio indipendente e diede credito ad una soluzione differente, celebrando la sconfitta de “l’uomo della guerra preventiva”…

160957338-bf474ac9-5cef-40a9-8bdb-2aa41f6873cc

Alfonso d’Agostino

Dici Alfonso e pensi alla sua amata Triestina, alla sua biblioteca (rigorosamente ordinata per case editrici) che cresce a vista d’occhio, alla Moleskine rossa sempre in mano e alla adorata Nikon con la quale cattura scorci di quotidianità, possibilmente tenendo il corpo macchina in bizzarre posizioni, che vengono premiati ma non pensiate di venirlo a sapere. Se non vi risponde al telefono probabilmente ha avuto uno dei tanti imprevisti che riuscirà a tramutare in un esilarante racconto di “Viva la sfiga!”. Perché lui ha ironia da vendere ed un vocabolario che va controcorrente in questo mondo dominato dagli sms e dagli acronimi indecifrabili. Decisamente il più polivalente di tutti noi dato che è… il nostro (e non solo) Blogger senior che con il suo alfonso76.com ha fatto entrare la blog-o-sfera nella nostra quotidianità.

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi