Ma se domani... > Cinema > Festival > Quando Mister HITCHCOCK incontrò Monsieur TRUFFAUT

Quando Mister HITCHCOCK incontrò Monsieur TRUFFAUT

Il Festival de Cannes è una fucina di eccellenze. E’ inutile negarlo, ciò che vedi nella selezione ufficiale, nel bene o nel male, ti si scolpisce nella memoria. Questo non vuol dire che talvolta non vi siano misteriose esclusioni (immancabilmente agguantate dall’attentissima Quinzaine), tese a favorire prodotti più autoriali e meno fruibili dal grande pubblico (al limite dell’incomprensibile). Ciò nonostante, il 90% di quanto viene proiettato a maggio sur la Croisette è un successo annunciato, che siano film di animazione, cortometraggi di nuove promesse e/o documentari più o meno sperimentali. E proprio di un documentario parliamo oggi: HITCHCOCK – TRUFFAUT che, dopo il suo debutto a Cannes nella sezione Classics, è diventato l’oscuro oggetto del desiderio dei frequentatori di festival. Io sono riuscita a recuperarlo grazie al Festival Lumière.

hitchcock-truffaut_poster

Hitchcock e Truffaut sono due nomi così imponenti da farci venire i tremori. L’idea che un giovane cineasta (Truffaut) francese, intervistasse il maestro del brivido (Hitchcock) inglese, con più di quaranta film sulle spalle, per scrivere un libro “riabilitativo”, ha dell’incredibile e sapere che, oltre a quel volume (diventato sacro per chi ami la settima arte e/o vi lavori), le bobine di quanto accadde a Hollywood, durante una lunga settimana in cui stava avvenendo il montaggio de GLI UCCELLI, siano da qualche anno pubbliche, è cosa da togliere il sonno.

Kent Jones, documentarista e co-sceneggiatore di JIMMY P., ha accettato la sfida e, insieme a Serge Toubiana (co-sceneggiatore), si è addentrato in chilometri di fotogrammi, ha intervistato i migliori registi della nostra epoca e ha confezionato un lungometraggio unico, divertente, corredato di preziosi interventi di guru come Martin Scorsese, Wes Anderson, David Fincher, Richard Linklater e molti altri, riuscendo a portare su grande schermo un testo in-toc-ca-bi-le in modo elegante e intrigante.

Il ritratto che emerge del regista britannico è, infatti, moderno e brillante: Hitchcock amava tirare la corda, in un certo senso si beffava delle regole, sfidava le convenzioni per intrattenere il pubblico in modo imprevedibile. La provocazione maggiore era – ed è – verso l’utente che, nonostante veda con gli occhi del protagonista, viene sempre preso in contropiede e finisce per sobbalzare dalla sedia oggi come di ieri.

Truffaut e Hitchcock - Photo: courtesy of FDC
Truffaut e Hitchcock – Photo: courtesy of FDC

Ma, quali elementi rendono i capolavori di Hitchcock ancora così speciali? Sicuramente le inquadrature e l’uso della luce ma, soprattutto, il fatto che il signor Alfred Hitchcock fosse nato nel 1899. Ciò gli permise di avere una marcia in più: assistette alla completa evoluzione del fare cinema, acquisendo tecniche che i colleghi del nuovo millennio non possiedono. Il cinema muto è stato il suo asso nella manica, averlo vissuto, provato, gli ha permesso di sfruttare molti escamotage dei primordi per travolgere e sconvolgere l’audience. E, come dicevamo in apertura, i suoi film riescono a tenere sulla corda una platea ancora nel 2015 (senza contare che nessuno è mai riuscito a eguagliarlo).

Jones ci conquista proprio “alla Hitchcock”: alterna filmati dell’epoca a clip tratte da LA DONNA CHE VISSE DUE VOLTE, SABOTAGE, PSYCHO (e non solo) montandoli come fossero un giallo, creando in noi quell’attesa tipica della suspense che non annoia e stupisce sempre. Ci svela aneddoti e qualche tecnicismo che da domani cercheremo e ci porta in quella stanza in cui stima e amicizia permisero di scrivere pagine di storia del cinema.

Vissia MENZA

 

Aggiornamento del 16 marzo 2016: il 4, 5 e 6 Aprile 2016 Hitchcock/Truffaut sarà distribuito nelle sale italiane da Cinema e Nexo Digital in collaborazione coi media partner Radio DEEJAY e MYMovives.it. Per consultare l’elenco delle sale, un clic QUI

Nell’attesa ecco il nuovo trailer italiano ( a seguire quello originale). 

 

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi